Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Le notti di novembre, che sembrano fatte apposta per dormire con te.

Martedì, 5 novembre 2019 @19:59

"La notte quando non dormiamo diciamo che amarsi è comunicare in questo codice privato che neanche a occhi chiusi si abbandona, e come puoi perdere una persona, se non dimentichi la sua sintassi neanche nei tuoi sogni più stanchi".
(Claudia Durastanti)

Le notti di novembre, che sembrano fatte apposta per dormire con te.

In realtà era uno dei miei libri dell’estate, questo "La straniera" (La nave di Teseo). L’ho voluto leggere non solo perché è stato finalista al Premio Strega, ma perché è la storia di una ragazza figlia di genitori sordi, e assomiglia molto alla storia di una mia amica dei tempi del liceo, F., alla quale infatti ho consigliato il libro. (La scrittrice ha 35 anni, bravissima, anche a raccontare una storia così intima, una storia d'amore: quella dei suoi genitori, e la sua). L'ho letto quest'estate, eppure la frase mi è venuta in mente adesso, in queste notti di pioggia e primi freddi. Questo amarsi che è un "codice privato, che neanche a occhi chiusi si abbandona". Bellissimo. E vero.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.