Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Poi succede. La fine di un amore.

Mercoledì, 13 marzo 2013 @08:07

"Poi è accaduto qualcosa che non so capire
qualcosa in agguato da tempo
una crescita della ragione, una sproporzione di fatti e di incertezze

ora non posso più ridurre il mio amore al tuo nome -
tu non sei più una pianta traboccante di gemme
ma uno smorto giardino
condannato all’abbandono."
(Daniela Attanasio)
Poi succede. La fine di un amore.

Ci sono amori che finiscono così, per tristezza, per mancanza di cure, come giardini abbandonati. I versi di oggi sono tratti da "Nuovi poeti italiani" (Einaudi), un’antologia di voci al femminile. Ma succede anche nelle amicizie; ci sono amiche che perdiamo, nella vita, proprio così: "è accaduto qualcosa che non so capire/ qualcosa in agguato da tempo.../ una sproporzione di fatti e di incertezze". A voi non è mai capitato?

Il sole autunnale è una luce breve, interrotta da acidi piovaschi e dall’accumulo di nuvole.

Lunedì, 1 ottobre 2012 @06:59

"Il sole autunnale è una luce breve,
interrotta da acidi piovaschi e dall’accumulo di nuvole –
la natura sbiadisce sulla pelle come la luce distesa sul tavolo
è la lunga estinzione dell’estate
ma il rimpianto del mare mi resta appiccicato
addosso come una vecchia abitudine"
(Daniela Attanasio)
Sulla pelle, il rimpianto del mare.

Ieri, al largo di Miramare, ho fatto il bagno, nell'acqua dolcemente fredda dell'autunno. Stamattina sul golfo di Trieste è un accumulo di nuvole. E i versi di oggi sono tratti da "Nuovi poeti italiani" (Einaudi).

Ma le isole esistono se in esse abbiamo amato.

Giovedì, 26 luglio 2012 @08:01

"Ma le isole
esistono "se in esse abbiamo amato" –
se abbiamo amato
ora il ritorno non è più un’idea
ora la nave è ferma al molo"
(Daniela Attanasio)
L’isola, le isole che mi aspettano.

Il Buongiorno di oggi - dedicato a Ginostra, l'isola che ha ispirato Daniela Attanasio, l'isola delle sue estati - è tratto dall’antologia appena uscita "Nuovi poeti italiani" (Einaudi): anzi, poetesse, perché sono tutte voci di donne. Quanta voglia di partire. Quanta voglia di isole. Le isole che ho amato. Le isole dove ho amato, e sono stata amata.

L’estate è una ciliegia, un’albicocca, un pomodoro.

Giovedì, 7 luglio 2011 @08:31

"Se c’è un libro dei sogni nella
mia vita lasciatelo aperto al
rosso dei pomodori
rimasti a seccare sotto il sole
su tavole di legno"

(Daniela Attanasio)

Estate. L’estate è una ciliegia, un’albicocca, un pomodoro…

(La poesia di oggi è tratta da "Il ritorno all’isola", Daniela Attanasio, Nino Aragno Editore. Trovate altri suoi versi il 12 maggio, "L'abitudine alla gioia", il 27 aprile, "Quel che tu chiami amore", e il 14 marzo)

L’abitudine alla gioia.

Giovedì, 12 maggio 2011 @07:59

"Finalmente la pioggia, la piazza fugge con rumore
di gambe e con lampi di luce – sotto la pelle
fiorisce la gioia come una sana abitudine"

(Daniela Attanasio)

Sotto ogni cosa, questa segreta, testarda voglia di felicità.

(La poesia di oggi è tratta da "Il ritorno all’isola", Daniela Attanasio, Nino Aragno Editore. Trovate altri suoi versi il 27 aprile, nel post "Quel che tu chiami amore", e il 14 marzo)

Quel che tu chiami amore.

Mercoledì, 27 aprile 2011 @08:54

"Ti conosci ma non abbastanza per fronteggiare il terrore di un cielo
troppo scuro sopra la tua testa e di un blu
troppo profondo per essere semplicemente mare.
Dentro o dopo c’è un bianco accecante – tu lo chiami amore"

(Daniela Attanasio)

Quel che ci abbaglia, è quel che chiamiamo amore. Per questo non dobbiamo avere paura.

(La poesia di oggi è tratta da "Il ritorno all’isola", Daniela Attanasio, Nino Aragno Editore)

Cammino sola in un preludio di pioggia.

Lunedì, 14 marzo 2011 @07:08

"Cammino sola in un preludio di pioggia
le corsie d’asfalto sotto i piedi come un rullo cinese
dietro l’angolo il biancore delle chiese, improvviso.
Roma di rosa pallido di azzurro sporco
la piazza larga ondeggia nel rumore di ferri, di freni
a ogni passo una sillaba dell’anima, una dopo l’altra
un secchio di fiori una panca la metropolitana
la croce della farmacia, odori molli dolci
di pelle indiana".

(Daniela Attanasio)

Io e la città, prima della pioggia. Prima che.

(Daniela Attanasio è una poetessa romana. I versi di oggi sono tratti dalla sua raccolta "Il ritorno all’isola", Nino Aragno Editore. Che bella quella "Roma di rosa pallido di azzurro sporco"...)

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.