Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

C’è qualcosa, ho capito, di più difficile della vita. Sono i giorni da vivere uno per uno.

Mercoledì, 26 ottobre 2011 @08:23

"C’è qualcosa, ho capito, di più difficile della vita. Sono i giorni da vivere uno per uno."
(Elvira Seminara)
Sono i giorni di assoluta malinconia, i giorni in cui ci sono solo desideri sospesi sul cuscino.

(La frase di oggi è tratta dal romanzo "Scusate la polvere", Nottetempo).

Una vaga nostalgia di futuro.

Lunedì, 18 luglio 2011 @09:25

"Non so se avete mai provato quella strana felicità, immotivata e incongrua, che prima ti solleva e poi ti lascia a mezz’aria, sospesa, e sei leggera e vibrante, un po’ intontita, e non solo senza passato ma senza alcuna biografia, e tutto intorno è così tiepido e gentile che ti viene da piangere… Una vaga nostalgia di futuro."
(Elvira Seminara)
E io ti sorrido, futuro!

La frase di oggi, come quella del 21 giugno, è tratta da "Scusate la polvere" (Nottetempo).

Ascolta come batte, in ogni cosa, il cuore dell’estate.

Martedì, 21 giugno 2011 @08:45

"Era cominciato lo spettacolo del buio, e tutta la strada si foderava di stagnola. Ogni cosa, perfino l’asfalto e le antenne, non era più grigia e sporca, ma argentata… E tutte le cose lievitavano piano, come avessero un cuore che batteva dentro".

(Elvira Seminara)

Il cuore dell’estate.

Ricordate Viola Di Grado, e il suo straordinario romanzo d’esordio, "Settanta acrilico trenta lana" (e/o) da cui ho sfilato tanti Buongiorno? (L'intervista, invece, la trovate il 9 febbraio 2011). Bè, sorpresa: ha una madre - e d’accordo, questa ce l’abbiamo tutti - ma una madre scrittrice. La frase di oggi, che è il primo giorno d'estate, è tratta dal suo "Scusate la polvere" (Nottetempo). Che inizia –solo un caso? – come il libro della figlia: un uomo muore in un incidente, finisce in un fosso con la macchina, e l’amante. Ma da quel fosso partono due libri molto, molto diversi, come madre e figlia.
A tutti, buona estate.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.