Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Essere libera vuol dire anche accettare di perdere.

Martedì, 24 giugno 2014 @08:57

"Essere libera vuol dire anche accettare di perdere."
(Françoise Giroud)
Non avere paura.

Il Buongiorno di oggi è tratto da un bel libro-autobiografia di cui vi ho già parlato: "Storia di una donna libera" (Neri Pozza). Cliccate sul suo nome per saperne di più.

Solo una donna libera è una donna felice.

Venerdì, 7 marzo 2014 @08:04

"Io sono una donna libera. Sono stata, e dunque posso essere, una donna felice… Esiste qualcosa di più raro al mondo?"
(Françoise Giroud)
Solo una donna libera è una donna felice.

Quale miglior augurio per l’8 marzo?, che lo festeggiate o no. (Io festeggio, certo, anche solo con un rametto di mimose, che peraltro mi piacciono: mi piace celebrare, e avere delle occasioni per farlo). E la frase di oggi è straordinaria: è l’incipit di un libro appena uscito per Neri Pozza. Il racconto, anzi sarebbe meglio dire lo sfogo autobiografico (non fu pubblicato che molto dopo la sua morte), di Françoise Giroud, "Storia di una donna libera". Chi era Françoise Giroud? La sto scoprendo adesso, pagina dopo pagina. Nata in Svizzera da emigrés turchi ed ebrei, è stata in realtà una vera parigina: cominciò a lavorare a 14 anni (il padre, un giornalista, morì ancora giovane) in un negozio di libri antichi a Parigi, poi entrò nel cinema, e poi ancora divenne partigiana, militante, infine giornalista. E, più tardi, politica. E’ stata lei a fondare il mitico Elle nel 1945, e L’Express, nel 1953, insieme al suo compagno. Questa frase, di forza e di vitalità, che apre il libro, è stata scritta dopo che aveva tentato di suicidarsi: dopo l’abbandono forzato (forzato, perché fu lei ad andarsene, ma li amava tutti e due) sia del suo compagno, che del suo giornale. E che forza anche in quelle parole: "sono stata, e dunque posso ancora essere, una donna felice". Perché solo una donna libera può essere felice. Non dimentichiamolo.
In Friday Lisa, il Buongiorno di oggi in lingua originale.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.