Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Poter essere pioggia.

Lunedì, 20 gennaio 2014 @08:09

"Le sue giornate scorrono tranquille, simili alla pioggia che d’inverno le piace guardare dalla finestra, monotona eppure affascinante, dopotutto. Potrebbe sempre trasformarsi in temporale. O in diluvio."
(Marcela Serrano)
Poter essere pioggia.

Marcela Serrano, scrittrice cilena, nata a Santiago nel 1951. A volte mi piace, a volte no. Mi è piaciuta in alcuni romanzi, come "Antigua vita mia" (forse anche perché era ambientato ad Antigua, una città del Guatemala tra portici e vulcani, che mi aveva incantato). Gli ultimi racconti, "Adorata nemica mia" (anche questi Feltrinelli, come tutti i suoi libri) mi hanno un po’ deluso, ma mi hanno regalato il Buongiorno di oggi. Poter essere pioggia. Poter diventare temporale.

Il mio segreto, sei tu.

Giovedì, 4 luglio 2013 @07:39

"Non esiste una vita trasparente. Ogni donna ha un segreto, per piccolo che sia. Tutte ne hanno almeno uno".
(Marcela Serrano)
Quel segreto è una piccola vibrazione di luce nel mio cuore. E’ qualcosa che non confesso neppure a me stessa. Ma lo leggo ovunque: nel mio cellulare, nel fondo della mia tazzina di caffè. Quel segreto, sei tu.

Forse ve la ricordate, questa frase di Marcela Serrano, scrittrice cilena: è tratta da "Noi che ci vogliamo così bene", Feltrinelli. Un romanzo di una decina d'anni fa: quattro amiche, quattro vite, segreti e amori che si intrecciano. E' anche il mio #spillo su Gioia!, in edicola oggi. Dove troverete anche il mio reportage da Wimbledon. Più abiti e Pimm's che tennisti, vi avviso...

Un marito è un luogo. Un luogo di solidità.

Lunedì, 21 novembre 2011 @08:01

"Un marito è un luogo. Un luogo di solidità. E di purezza anche, se una s’impegna." (Marcela Serrano)
Mio marito.


(La frase che ho scelto per City oggi è della scrittrice cilena Marcela Serrano ed è tratta dal suo ultimo libro, "Dieci donne", Feltrinelli)

Non ci sono fortezze inespugnabili, solo fortezze che non sono state sufficientemente assediate.

Giovedì, 3 novembre 2011 @07:32

"Gli ho ricordato quel che mi diceva zia Sofia: non ci sono fortezze inespugnabili, ma solo fortezze che non sono state sufficientemente assediate."

(Marcela Serrano)

Sotto la tua fortezza, pazientemente, aspetto.

(La frase che ho scelto oggi per City è della scrittrice cilena Marcela Serrano, e l'ho sfilata dal suo ultimo romanzo: "Dieci donne", Feltrinelli).

Luna piena.

Mercoledì, 12 ottobre 2011 @08:17

"Fu allora che vissi l’effetto luna piena. L’avevo chiamato così. Mi sentivo come una grande luna che continua a crescere piano piano, notte dopo notte, per arrivare allo stadio completo, luminosissimo, in cui niente manca, niente è di troppo… Nella vita di tutte noi c’è una luna piena. Se soltanto sapessimo riconoscerla per godercela almeno un po’, per sentirci diafane e realizzate."
(Marcela Serrano)
Semplice abbondanza: il mio cuore trabocca.

(La frase di oggi è della scrittrice cilena Marcela Serrano, ed è tratta dal suo ultimo romanzo: "Dieci donne", Feltrinelli).

Quei calici azzurri. E il momento giusto.

Martedì, 13 settembre 2011 @09:17

"Quei calici… La nonna li aveva regalati a mia madre, sono solo due – probabilmente ce n’erano di più e si saranno rotti – di un cristallo finissimo, azzurrino. La mamma li adorava e non li usava mai. Quando me li ha affidati, sul letto di morte, mi ha detto di averne cura. E io l’ho fatto. E a forza di averne cura, non li ho mai usati. Non ha senso aspettare il momento giusto, perché non arriva mai".
(Marcela Serrano)
Perché il momento giusto, è adesso.

La frase di oggi è di Marcela Serrano, scrittrice cilena amatissima anche in Italia (ricordate "Antigua, vita mia" o "Noi che ci volevamo così bene"?), ed è tratta dal suo ultimo romanzo: "Dieci donne" (Feltrinelli), appena uscito e già in classifica. Mi è piaciuto? Diciamo che l’ho letto volentieri, ma metterei anche questo nei "libri che non regalerei" (forse dovrei fare una lista a parte!). Bella l’idea, storie di donne che hanno in comune solo il fatto di andare dalla stessa psicologa. Ma è un libro che sa di vecchio, sembra essere stato scritto dieci o quindici anni fa…
Mi piace moltissimo, invece, l’idea di usare le cose belle, bicchieri o asciugamani o lenzuola, e non lasciarli in armadio. Il momento giusto, in fondo, va creato. Il momento giusto, è adesso.

Fedeltà/infedeltà.

Venerdì, 1 ottobre 2010 @07:15

"L’infedeltà per Isabel era impensabile, come lo è per qualsiasi donna che è rimasta in quello stato per lungo tempo, finché arriva il giorno in cui semplicemente si smette di essere fedeli".
(Marcela Serrano)

Ma allora non ci sono più pensieri, perché l’unico pensiero sei tu.

(La frase di Marcela Serrano, scrittrice cilena, è tratta da "Noi che ci vogliamo così bene", Feltrinelli: un romanzo di quattro amiche; quattro vite, segreti e amori che si intrecciano).

L’autrice wi-fi in Francia. (E i segreti che abbiamo nel cuore).

Lunedì, 30 novembre 2009 @10:52

"Non esiste una vita trasparente, Ana. Ogni donna ha un segreto, per piccolo che sia. Tutte ne hanno almeno uno".
(Marcela Serrano)
Quel segreto è una piccola scheggia di luce conficcata nel mio cuore. Quel segreto è qualcosa che non sussurro neppure a me stessa. Quel segreto lo leggo ovunque, in un cellulare che vibra, nel fondo della mia tazzina di caffè. Quel segreto, sei tu.

(La frase di Marcela Serrano, scrittrice cilena, è tratta da "Noi che ci vogliamo così bene", Feltrinelli: un vecchio romanzo di quattro amiche, quattro vite, segreti e amori che si intrecciano. Il libro non mi è piaciuto, ma mi è piaciuto moltissimo leggerlo: perché è il recentissimo regalo, dal titolo affettuoso come un abbraccio, di una delle mie più care amiche, la mia ex compagna di banco del ginnasio)

Sono arrivata qualche giorno fa a Parigi, invitata – io che non sono laureata – a tenere la mia prima (e spero non ultima!) conferenza in Università: per la precisione, si terrà oggi, all'Università di Tours, e il titolo è "Le glamour bon marché –le journalisme de mode à l’époque de la récession" . Sì, avete letto bene: una conferenza accademica glam cheap! Sono emozionatissima, ancor più perché sarà davanti a una platea di studenti e studentesse di italiano dell’università… (E così, per fortuna, non devo parlare in francese).

Vi manderò presto cronache parigine (non ci crederete, ma ho incontrato Emma e Stella...) e vi ricordo che venerdì 4 dicembre sarò a Roma, alla libreria Flexi. (E no, non parlerò in francese!)


Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.