Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il mare dentro.

Venerdì, 9 giugno 2017 @08:57

"Sarai sempre un passo
sempre il ritmo
nell’intimo sempre
un soffice mare."
(Saša Pavček)
Il mare dentro.

"Vendo bos korak,
ritem zmeraj,
zmeraj znotraj,
mehko morje".

Questa poesia, che è anche il mio #spillo su Gioia di questa settimana, è tratta da "Meni je lep ta svet - A me piace questo mondo" (ZTT-EST Editore), una raccolta di poesie a tre voci, di Tone, Marko e Saša Pavček. Voci dalla Slovenia, un padre, un figlio e una figlia: davvero, pagina dopo pagina, la poesia come codice genetico. Traduzione di Jolka Milič. E dentro, la terra e il mare.

Vestimi con un bacio.

Giovedì, 3 settembre 2015 @15:37

"Vestimi con un bacio."
(Saša Pavček)
Vestimi con un bacio, è l’unica cosa di cui ho bisogno per affrontare il mondo. Il tuo amore, un’armatura: lo sapremo solo io e te.

Questo verso, sfilato da una poesia di Saša Pavček, è anche lo #spillo di Gioia di questa settimana. Mi piace quel "vestimi con un bacio", "obleci me v poljub" in originale, che io ho interpretato così: il bacio di chi amiamo e di chi ci ama che ci veste, ci protegge, quando usciamo la mattina, nel mondo. Quando, dopo l’estate, in quella che i francesi chiamano "la rentrée", dobbiamo non solo vestirci di più, aggiungere uno strato; ma "vestirci" anche per affrontare i problemi, le incomprensioni, i malumori, gli ostacoli, i dispiaceri, sul lavoro e non solo. Basta un bacio? Forse sì. Speriamo.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.