Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

L’unico colore che lui vedeva era la lucentezza, e quello era l’amore.

Mercoledì, 23 novembre 2011 @08:16

"L’unico colore che lui vedeva era la lucentezza, e quello era l’amore."
(Samar Yazbek)
E’ la luce che mi ha fatto innamorare di te. Ma ora, che sollievo pensare che mi proteggi anche nel buio.

(Samar Yazbek è una scrittrice siriana, e la frase di oggi è tratta dal suo ultimo romanzo, "Lo specchio del mio segreto", appena pubblicato in Italia da Castelvecchi. Una storia di amore, di morte, di carcere: esattamente quello che sta succedendo in Siria adesso, con il mondo - e i giornalisti, e i reporter, e la tv - chiuso fuori dai confini. Una rivoluzione affidata a Facebook)

E quando tu mi tocchi, mi spargo come sabbia.

Mercoledì, 21 settembre 2011 @08:18

"E quando lui la tocca, lei si sparge come sabbia".
(Samar Yazbek)
Come faccio a non perdermi, se quando mi tocchi, mi sfiori, mi abbracci, mi spargo come sabbia?

La frase è d’amore, di sperdimento e passione; ma il romanzo da cui l’ho sfilata parla di amore e morte. E’ "Specchio del mio segreto" (Castelvecchi), della scrittrice siriana Samar Yazbek. Un romanzo che è quasi un presagio, perché si apre con una folla in piazza, una donna che esce dal carcere… Un romanzo che parla di torture nei sotterranei delle prigioni, dove "il sangue si mischia al ferro e alla carne umana". Un romanzo che sembra quasi parli della Siria oggi, e per questo è un presagio: una Siria dove i giornalisti non possono entrare, dove da mesi donne e uomini scendono in piazza e vengono arrestati, torturati, uccisi, senza che il mondo sappia niente. Samar Yazbek, che ha quarant'anni ed è una scrittrice, tutto questo l’ha visto e l’ha raccontato. A noi il dovere di ricordarlo.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.