Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Daffodils. E il cuore che balla.

Mercoledì, 31 marzo 2010 @07:37

"Vagabondavo solo come una nuvola
che fluttua alta su valli e colline
quando all’improvviso vidi una folla, una schiera di narcisi d’oro
lungo il lago e sotto gli alberi
che danzavano nella brezza.

Spesso quando sono disteso
senza pensieri, o pensieroso
balenano ancora al mio occhio interiore
che rende la solitudine beata;
e allora il mio cuore si riempie di piacere
e balla con i narcisi".
(Wordsworth)

Coraggio, apri il tuo cuore: è primavera.

Ancora Wordsworth, come per il Buongiorno del 25 marzo; del resto, è primavera… Anche se non ho ancora visto prati dorati di narcisi. E’ bellissimo l’ultimo verso, in inglese, l’idea di questo "heart as a dancer", a ritmo jazz spero:

And then my heart with pleasure fills
and I dance with the daffodils


Il primo giorno dolce.

Giovedì, 25 marzo 2010 @08:24

"E’ il primo giorno mite di marzo
più dolce di momento in momento…
C’è una benedizione nell’aria,
quasi un’arrendevolezza,
una gioia che scende sugli alberi spogli,
sulle montagne nude
e sull’erba nel prato verde"
(William Wordsworth)

Chiudo gli occhi e sento anch’io, finalmente, che è possibile, questo felice abbandono.

I versi di Wordsworth (1770-1850) sono tratti da "Poeti romantici inglesi", un’antologia Mondadori.
Ma sentite com’è lieve l’incipit in inglese:

It is the first mild day of March
each minute sweeter than before...


Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.