Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Perché c’è sempre qualcuno per cui siamo il primo giorno d’estate.

Venerdì, 21 giugno 2013 @08:03

"Mia prima figlia sei stata la mia colomba, la mia estate,
il sollevarsi dei cieli, il ritirarsi delle acque,
il mio patto d’alleanza con la terra."
(Eavan Boland)
Perché c’è sempre qualcuno per cui siamo il primo giorno d’estate.

Oggi, che è il solstizio d'estate, i versi sono di una poetessa irlandese, tratti dalla sua raccolta "Tempo e violenza", Le Lettere (traduzione a cura di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti). Cliccando sul suo nome potete leggere gli altri Buongiorno che le ho sfilato. E, come ogni venerdì, Friday Lisa: li trovate anche in inglese. Chi mi segue su Twitter li riceve ogni mattina sul telefonino...
E a tutti, buon primo giorno d'estate!

8 commenti

Giusy | Sabato, 22 giugno 2013 @13:45

Ma certo,Lila,bello il collegamento e grazie per avermi riportato alla memoria La Vita Nova. Metto in programma qualche sonetto da rileggere, magari dedicato a Beatrice che infante non era. I miei ricordi di studio e lettura sono troppo lontani.

Lilabella | Venerdì, 21 giugno 2013 @22:36

Wow, grazie Max!
Sandra mi fa piacere che la canzone sia riuscita a farti sentire meno sola.

sandra | Venerdì, 21 giugno 2013 @20:05

Che belle parole....Lilabella mi son vista il video con lo smartphone..mi
sentivo sola..grazie!!

Max | Venerdì, 21 giugno 2013 @19:44

E chi parla dell'età? A me è la testa che hai che mi piace!

Lilabella | Venerdì, 21 giugno 2013 @19:34

Max vabbè vabbè ma non sono così vecchia. Non si scherza con l'età delle donne! :-)
Giusy la vita nuova è poesia! ;-)

Giusy | Venerdì, 21 giugno 2013 @15:42

Bellissimi versi. La poetessa dice "sei stata", quindi non usa il presente, quindi, tutto da interpretare.
Com'è complicato essere madre e mantenere attraverso gli anni quella strana sensazione che pervade dopo il parto.Ma ciascuna di noi ha personali e private emozioni che non è semplice raccontare. Comunque, quando mi hanno messo tra le braccia quel"cosino" che era, per me, tutto e nulla, gli ho sussurrato: Chi sei, chi sarai, mio sconosciuto? Ma questa è stata solo una piccola domanda vagamente retorica, nulla di poetico.

Max | Venerdì, 21 giugno 2013 @14:27

Lilla: adottame!

Lilabella | Venerdì, 21 giugno 2013 @09:54

Non credo riuscirò ad avere una figlia ormai, come diceva la Cinquetti, non ho più l'età anche se di questi tempi..ma hai ragione Lisa c'è sempre qualcuno per cui siamo il Tutto, come il primo giorno d'estate. Stamane mio fratello mi ha inviato un sms con scritto ti voglio bene, tre semplici parole con dentro un mondo. Questo, ora, è l'immenso per me. Un buongiorno al salotto verde e per l'occasione il link ad una canzone speciale (per me).

http://youtu.be/0CUVNTf1Lrk

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.