Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Quel gioiello che porto sempre con me. E i libri dell’estate 2013.

Lunedì, 22 luglio 2013 @08:14

"Da quella mattina nello studio, quando le sue dita gentili l’avevano sfiorata per allacciarle il pesante fermaglio, non è passato giorno che Anna non abbia portato lo splendido medaglione nascosto sotto i vestiti. Non ha dormito una sola notte senza avvertirne il peso rassicurante fra i seni. E’ diventato liscio come una pietra di fiume, caldo come il cuore che gli pulsa contro".
(Jennie Fields)
Quel gioiello che porto sempre con me.

Avete anche voi, vero, un gioiello da cui non vi staccate mai, neppure d’estate?

Mentre ci pensate, ecco i libri per l’estate 2013. I miei consigli per quest’estate sono tre: un giallo, un romanzo appena uscito, un classico da leggere o rileggere. Cominciamo con il romanzo appena uscito: "Un amore più forte di me", di María Dueñas (di cui vi ho parlato venerdì 16 luglio: http://www.lisacorva.com/it/view/1112/ ); ma anche il libro da cui ho tratto il Buongiorno di oggi, ovvero "L’età del desiderio", di Jennie Fields, Neri Pozza. Un libro per tutte le fan di Edith Wharton, quelle che si sono commosse con "L’età dell’innocenza". Ma anche per capire, con questa biografia sentimentale, che bisogna sempre avere il coraggio di amare: così come accadde alla scrittrice americana, che solo a 46 anni, infelicemente e gelidamente sposata, scoprì il sesso. E il desiderio.
Il giallo? E’ "La casa dello spirito dorato", di Diane Wei Liang (Guanda), protagonista una giovane detective, Mei Wang, nella Pechino di oggi. Ma, se non l’avete mai letta, consiglio anche la mia detective preferita, Annika, reporter svedese scontrosa; l’ultimo scritto da Liza Marklund, "Linea di confine", Marsilio, è strepitoso. E il classico da leggere o rileggere? "Memorie di Adriano" di Marguerite Yourcenar (Feltrinelli), da cui ho tratto tanti dei miei ultimi Buongiorno.

E infine, ecco i libri che consiglio sempre:
Regalerei, e ho regalato, solo a donne però, il longseller "Per puro caso" di Anne Tyler (Ne ho già parlato nel blog: era nel post "Quando soffia il vento del Nord", del 2 agosto 2010: http://www.lisacorva.com/it/view/265/ ). Ma anche i libri di Elizabeth von Arnim (cominciando da "Il padre" e "Il giardino di Elizabeth" o l'ultimo, "Una principessa in fuga", tutti Bollati Boringhieri) e di Jane Austen. Ho regalato spesso, a persone per me importanti, un piccolo libro Adelphi, che è una riflessione sulla libertà individuale e sull'amore: "Il giunco mormorante", di Nina Berberova. E, in passato, i libri di una sofisticata scrittrice inglese che ho molto amato, Antonia Byatt : "Possessione" (una grande storia d'amore, anzi due, parallele: una giovane studiosa negli anni Novanta a Londra che scopre, trovando una lettera in un manoscritto, il segreto amore di una poetessa dell'Ottocento) e "Le storie di Matisse" (Einaudi).
Ad amici maschi ho regalato "Un uomo vero", di Tom Wolfe (Mondadori), "Middlesex" di Jeffrey Eugenides (Mondadori, e mi è molto piaciuto anche "La trama del matrimonio"), ma anche "La donna giusta", di Sándor Márai (Adelphi). A un caro amico gay, "Chiamami con il tuo nome", André Aciman, Guanda. E per tutti, dello stesso autore, lo struggente "Notti bianche" (Guanda), un libro sulla magia preziosa dell'incontro, su quel momento in cui tutto può ancora succedere.
Mi piace molto anche Peter Cameron, e tra i suoi libri, tutti Adelphi, preferisco "Quella sera dorata" e "Un giorno questo dolore ti sarà utile".
Ad amiche in cerca di leggerezza, "Diario di una lady di provincia", di Lady Delafield e "Un giorno di gloria per Miss Pettigrew", di Winifred Watson (Neri Pozza, anche se li amo di più nella versione inglese). E, sempre ad amiche, per ripensare alle donne che sono venute prima di noi, "La nonna vuota il sacco", di Irene Dische (Neri Pozza), una saga al femminile con humor che parte da Berlino negli anni Venti e finisce in America, e "Il meglio della vita", di Rona Jaffe (Neri Pozza), una sorta di Sex and The CIty anni Cinquanta.

E, ovviamente, consiglio e regalo i miei libri!

Buona estate di lettura.

8 commenti

SESSUOLOGO COMPORTAMENTALE | Sabato, 27 luglio 2013 @18:06

Un libro per l'estate 2013 che si possa poi mettere anche in pratica, favorendo la "crescita personale" è un completo manuale di auto aiuto a 360 gradi, edito da Ipertesto, editore veronese, che ha aiutato tanti cittadini a migliorare il proprio stile di vita, vivendo meglio e riducendo (spesso annullando) tanti disturbi. Si tratta del manuale di auto aiuto "IL manuale pratico del benessere" ( Ipertesto editore), già alla sua seconda edizione. Senz'altro recentemente trai più venduti tramite il web...

Lilabella | Martedì, 23 luglio 2013 @21:49

Cara Lisa, sì che c'è un mio gioiello del cuore. La mia luna viola regalatami dalla mia amica Gabriella ma anche le collane che mi ha regalato Claudia mdg sono nel mio cuore. Per quanto riguarda i tuoi consigli di libri grazie! Tu lo sai che il Giunco Mormorante rimane uno dei miei libri preferiti, un libro che ho regalato e che regalerei ancora. Oltre ai tuoi libri ovviamente. Un sorriso per te!

LISA | Martedì, 23 luglio 2013 @08:41

Sweetclodette: non c'è un motivo: ci sono, semplicemente, libri di cui non ci innamoriamo.

sweetclodette | Lunedì, 22 luglio 2013 @13:36

Scusa Lisa per gli errori di "battitura" del post precedente. Sì è un bel libro, ma nemmeno io lo regalerei. Tu perché no? Sono curiosa. Ah si sull'amore sono assolutamente in sintonia con te

? | Lunedì, 22 luglio 2013 @12:20

grazie e buone vacanze

LISA | Lunedì, 22 luglio 2013 @12:01

Mi ricordo, sweetclodette, il libro della Vigan. Titolo stupendo, mi era piaciuto, ma non è un libro che regalerei. Una delle frasi che ho ritagliato dal libro, per un vecchio Buongiorno, la porto invece sempre con me, ed è finita nel mio ultimo romanzo:

"Se ammettiamo che per due punti passa una e una sola retta, un giorno traccerò quella che va da lui verso di me o da me verso di lui"
(Delphine de Vigan)

Sarebbe così facile se l’amore fosse solo una questione di geometria. Se fosse possibile trovare l’angolo, la retta, il modo più semplice per arrivare da me a te. E invece a volte è solo una magica, incomprensibile equazione.

sweetclodette | Lunedì, 22 luglio 2013 @09:12

Grazie Lisa per tutta la tua generosità di consigli. Il giungo mormorante per me è un vero gioiello, che spiega la legittimità di avere una "no man's land", un giardino tutto nostro, in cui incontri speciali possono darci o rifarci vita. Il libro che sto leggendo è Gli effetti secondari dei sogni, di Delphine De Vigan, Mondadori, da cui prendo una frase per darti ilio buongiorno di gratitudine "Forse è questa la felicità, non un sogno, non una promessa, solo un istante" Ti abbraccio

Lamaggi | Lunedì, 22 luglio 2013 @08:39

Grazie Lisa. Mi cercherò un albero adatto.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.