Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Letargo invernale.

Giovedì, 14 gennaio 2010 @07:35

"Ascolto in questa notte
il letargo invernale.
Pioggia sui monti".
(Kobayashi Issa)

Mi sento anch’io in letargo, oggi. Fa troppo freddo per pensare a battaglie e progetti; troppo freddo per aprire finestre su nuovi orizzonti, per incamminarsi su nuove strade. Ma anch’io, come un sasso che dorme sotto la neve, ho un sogno verde nel cuore.

(I versi di oggi sono tratti da "Il grande libro degli haiku", Castelvecchi. Ma nel mio commento c’è una citazione nascosta dal norvegese Olav H. Hauge, il poeta e giardiniere che ormai conoscete, che scrisse: "Il fiume sospira nella gola, condensa in ghiaccio la nostalgia di mare/ e le pietre dormono sotto la neve con sogni verdi nel cuore").

7 commenti

aferdita | Giovedì, 14 gennaio 2010 @22:26

Bellissima questa citazione di Hauge, mentre la leggi ti sembra di viverla, di stare li vicino e sentire il sospiro del fiume. Grazie Lisa.

giorgia | Giovedì, 14 gennaio 2010 @22:10

che bello, lisa, mi sembra di essere tornata a casa, sono meno stanca e meno sola

LISA | Giovedì, 14 gennaio 2010 @21:32

Per GIORGIA: sai che il libro fallato di Maugham non me lo ricordavo? Comunque adesso è deciso: vado a caccia del film da "Il velo dipinto"! Per MODI953-LISACORVADIPENDENTE, grazie! Dove si possono vedere i tuoi disegni? Hai un sito?

claudia mdg | Giovedì, 14 gennaio 2010 @18:44

A me il film tratto dal "velo dipinto" è piaciuto moltissimo, ho il libro adelphi ma è in attesa di essere letto da quasi un anno, me n'ero dimenticata.

Giorgia | Giovedì, 14 gennaio 2010 @16:09

Ma Lisa, non ricordi quando nel salotto rosa lanciai un appello disperato perchè alla mia copia di "La giostra" di Maugham mancavano parecchie pagine, mentre altre erano ripetute? Di questo autore ho poi letto anche "Schiavo d'amore" (mi pare se ne sia recentemente fatto un film), "Il velo dipinto" (il film ho tentato di vederlo, ma sono sempre stata interrotta dal telefono) "La signora Craddock", e alcuni racconti di cui non ricordo il titolo. Uno in particolare parlava di una coppia, in cui lei muore poco dopo le nozze per via di una inarrestabile emorragia causata da una spina di una rosa...
Comunque ieri sera ho poi cominciato (anzi, ricominciato: lo avevo lasciato in sospeso non so quando, non ricordo) Donne innamorate di Lawrence, ma pare sia il continuo di L'arcobaleno, che non ho...
Baci

anto77 | Giovedì, 14 gennaio 2010 @11:53

Mi accodo a modi...
Per quanto mi riguarda sono felice di aver trovato qualcuno che ha la poesia nel cuore.... è bello poter condividere quel mondo segreto che si cela nelle letture.... E' come vivere per il tempo del libro la vita di qualcun'altro e trovare le similitudini con la propria.
A volte scopriamo dei sentimenti che proviamo e che non sappiamo come esprimere a parole.... rendiamo vive le ns. anime.

felice di avervi incontrato durante il io cammino.
Ritagliamoci un angolo ogni giorno per sentire la scossa nel cuore....

modi953@yahoo.it | Giovedì, 14 gennaio 2010 @10:59

sono diventata lisacorva dipendente , non posso iniziare la mia giornata lavorativa senza leggere i tuoi pensieri-poesie che non mi deludono mai, GRAZIE.
nel frattempo comunque mi è venuta un'idea io disegno cose molto particolari se ritieni opportuno di vederle rispondimi..Mi sono persa il commento .. anch'io ho un sogno verde nel cuore .......

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.