Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La tua bocca, bagnata di crepuscolo.

Venerdì, 22 gennaio 2010 @07:39

"E ti bacio la bocca bagnata di crepuscolo".
(Pablo Neruda)
No, non voglio baciarti in una giornata di sole. Non voglio che sia estate. Non voglio che sia in mezzo alla folla. Vorrei baciarti in una di queste sere d’inverno, quando il sole scolora nel grigio e nel freddo; quando sarà più facile trovare, insieme, l’alba dentro l’imbrunire.

(Neruda non ha bisogno di presentazioni. Questo verso – un singolo verso, potente, romantico – è tratto dal vecchio libro su cui ho imparato a conoscerlo, "20 poesie d’amore e una canzone disperata", Edizioni Accademia. L’alba dentro l’imbrunire è invece una citazione nascosta, di una vecchia canzone italiana: la riconoscete?)

20 commenti

| Venerdì, 5 febbraio 2010 @14:45

Grazie Lisa...capatina in libreria questo fine settimana..."Pè" stà per Peppe...Giuseppe...sono un ometto...in versione femminile avrei scelto "Penelope" come l'affascinante Penelope PitStop dei cartoni di Hanna e Barbera...buon fine settimana a lunedì :-)

LISA | Venerdì, 5 febbraio 2010 @11:16

PE' che mi ritaglia a Milano: ho controllato, "Tentativo dell'uomo infinito" è stato pubblicato da Passigli, con il testo spagnolo a fronte. Una scusa per portarsi a casa dell'altro Neruda... (Grazie della presentazione. Mi piace quando vi presentate e mi dite dove mi avete conosciuto! Sai però che non ho capito se se un uomo o una donna? In ogni caso, bellissimo regalare delle spighe di grano).

| Giovedì, 4 febbraio 2010 @18:52

Esatto ho l'edizione Passigli,devo quindi cercare l'edizione Accademia?ho cercato anche sul Web ma nulla,mi serve quel poema...cmq ho 33 anni e vivo a Milano,ti ho conosciuta per il tuo BuonGiorno,un piccolo rito giornaliero,mi reco da un collega urlo "Rassegna Stampa!!"e mi trovo City tra le mani,forbici e ritaglio...sto' tappezzando il mio video tipo post-it,mi ricorda il film "Una settimana da Dio" con Jim Carrey...naturalmente leggo ma non finisce qui...quando mi emoziono trascrivo a una persona molto importante per me...con cui condivido la Poesia...e tutto è partito con Neruda una mia scoperta che è stata poi anche la sua...quindi ti lascio immaginare cosa inneschi quando lo citi....lui da odore e sapore alle sensazioni alle emozioni è fantastico, la sua Amata è completamente immersa nella natura ne è avvolta,dalla luce del crepuscolo appunto...sa' di terra e arriva dalla terra... ti sfama ti disseta...è sapore...a chi Amo un giorno ho regalato una spiga di grano. A presto :-)

LISA | Giovedì, 4 febbraio 2010 @12:59

Nel mio libro, PE' (che è una vecchia edizione Accademia, mentre immagino tu abbia comprato l'edizione Passigli), il verso è dentro il poema intitolato "Tentativo dell'uomo infinito". (E tu, mi racconti qualcosa in più di te? Ad esempio, quanti anni hai e da dove scrivi?)

| Giovedì, 4 febbraio 2010 @10:27

Ciao Lisa,ho comprato il libro è non ho trovato la poesia dove compare il verso,mi puoi dire il titolo...? per la canzone ok ho gia' scaricato il testo...
:-)

LISA | Giovedì, 4 febbraio 2010 @07:39

Per PE': non ho capito, non hai trovato il verso, o non hai trovato il libro? La canzone è già stata indovinata: leggi i commenti qui sotto...

| Mercoledì, 3 febbraio 2010 @11:17

Ciao Lisa,incuriosito dalla "forza" di questo singolo verso ho acquistato il libro,ma non l'ho trovato....per la canzone non ci provo neanche...mi dai una dritta. :-)

Donato | Martedì, 26 gennaio 2010 @15:44

Leggere questi commenti, le tue parole del "buongiorno", le citazioni tue e dei tuoi lettori più sensibili, mi fanno sentire come sotto un albero di ciliegie pieno di frutti maturi; li guardi tutti, vorresti tutto assaggiare, prendi quello che puoi, e alla fine hai un meraviglioso sapore sulla lingua. Grazie a voi tutti, sconosciuti compagni di blog.

LISA | Domenica, 24 gennaio 2010 @10:59

Per VALERIA E IL SUO CAFFE' AL GINSENG: struggente, sapere che in questi freddi tramonti d'inverno, stai cercando albe, baci, amore. Grazie: per avercelo raccontato. La poesia di Neruda riluce ancora di più. Per MMM: bellissima, l'eredità di gioia...

LISA | Domenica, 24 gennaio 2010 @10:56

Sì, la citazione nascosta è di Battiato, Prospettiva Nevskji. Mi piace cantata da Alice. Cercatela su you tube...

Valeria e il suo caffè al ginseng | Sabato, 23 gennaio 2010 @03:17

Porto su questo blog una sezione della mia vita fin'ora taciuta a chi mi sta intorno.
Sto baciando in queste sere d'inverno nella speranza di trovare con lui un'alba da guardare insieme.
E' così difficile quando la tua felicità ha il prezzo della felicita' altrui.

Luigi | Venerdì, 22 gennaio 2010 @18:36

Grazie Lisa per queste emozioni.

Luigi | Venerdì, 22 gennaio 2010 @18:31

E' di Battiato: Prospettiva Nevsky:"E il mio maestro m insegnò com'è difficile trovare l'alba dentro l'imbrunire".

Lila | Venerdì, 22 gennaio 2010 @15:12

Ehy Trilli hai espresso un pensiero che è anche mio e di quel cantante fantastico che è Tiziano Ferro. L'Amore vero deve saper resistere al mare mosso, alla lontananza, a tutto. Lisa ci aiuti per la canzone a cui ti riferisci?

JeSuiSLaTrilli | Venerdì, 22 gennaio 2010 @11:42

neruda è il mio amore platonico.

secondo me i baci d'estate vanno via con le onde del mare.
rimangono li, e presto si asciugheranno al sole.
i baci d'inverno ti danno una speranza ;
la speranza che possano continuare ad illuminare i nostri giorni scuri.
fino all'arrivo dell'estate; se sarà amore vero, resisterà anche alle onde.

grazie lisa

mmm | Venerdì, 22 gennaio 2010 @10:59

"Non voglio che vacillino il tuo riso nè i tuoi passi.
Non voglio che muoia la mia eredità di gioia." (NERUDA)
Ho scelto 4 anni fa questa frase, nel momento più brutto e difficile della mia vita, per ricordare un uomo meraviglioso, quello della mia vita: mio padre.

ososnobish | Venerdì, 22 gennaio 2010 @10:54

Grande Pablo Neruda!! .. profondo osservatore, ogni verso fa riflettere e stimola un energia profonda.. voglia di vivere in maniera appagante.
Grande.

patrizia rogers | Venerdì, 22 gennaio 2010 @09:54

Fai sapere luogo e ora, verrò sicuramente!

LISA | Venerdì, 22 gennaio 2010 @09:43

Brava! Indovinato. (La mostra degli abiti di Mila Schön - la stilista arrivata esule a Trieste nel 1920 e quindi triestina - non l'ho ancora vista, ma mi hanno invitata a presentare il catalogo, il 5 febbraio. Ho accettato: quel che non si fa per tornare sul Molo Audace!)

patrizia rogers | Venerdì, 22 gennaio 2010 @09:08

Battiato, Prospettiva Nevskij.
Oggi è difficile trovare l'alba dentro l'imbrunire, per me. Ma qui a Trieste c'è una bora allegra, e un bel sole, più tardi il molo aspetta. Aspettiamo l'imbrunire e vediamo. (P.S. hai visto la mostra degli abiti di Mila Schon? incantevole, a mio parere).

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.