Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La casa che ho sognato.

Giovedì, 6 febbraio 2014 @08:28

"Nella sua mente, seppure in modo confuso, immaginò una casa sua. Inspiegabilmente la vedeva in autunno. Pioveva, i vetri delle finestre erano appannati e lui aveva acceso il fuoco per scaldarsi.
Decise di cercarla".
(James Salter)

Quanta voglia di casa.

Il Buongiorno di oggi - che è anche il mio spillo su Gioia - è tratto da un libro che mi ha incuriosito perché è, pare, tra quelli regalati da Obama lo scorso Natale: "Tutto quel che è la vita" (Guanda). La storia di un uomo in America subito dopo la seconda guerra mondiale; il suo mondo di libri e scrittori, le case che ha sognato, le donne che ha amato. La storia di una vita.

3 commenti

Giusy | Giovedì, 6 febbraio 2014 @11:17

Sulla traccia scherzosa di Carla, io, oggi, ho voglia di una casa su palafitte, con una romantica barchetta a remi ancorata sotto.

Monique | Giovedì, 6 febbraio 2014 @09:19

Mi apri un mondo nuovo ogni giorno, Lisa!
Non troverò mai una tazza di tè grande abbastanza o un libro lungo abbastanza da bastarmi... (C.S. Lewis)

carla | Giovedì, 6 febbraio 2014 @09:18

si vede che l'autore non si è mai scontrato con le banche per la richiesta di un mutuo!! :) scherzo, naturalmente, anch'io però immagino sempre una nuova casa, nonostante ne abbia già una.
buona giornata!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.