Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il mattino è un tuo bacio. Anche solo via sms.

Giovedì, 6 marzo 2014 @09:00

"Col nuovo mattino
il mondo mi bacia
sulla tua bocca, donna".
(Juan Ramón Jiménez)
Il mattino è un tuo bacio. Anche solo via sms.

O forse via whatsapp, dovrei dire… Tutte possibilità che all’epoca di Juan Ramón Jiménez, poeta spagnolo nato nel 1881 e morto nel 1958, non esistevano. All’epoca c’erano ancora bigliettini, scritti a mano e infilati in tasca, o nella cassetta delle poste. Nostalgia? No. Perché le parole d’amore e i baci trovano sempre un modo di viaggiare. I versi di oggi, che sono anche il mio #spillo della settimana su Gioia, sono tratti dall’antologia "Poesia d’amore del Novecento", Crocetti. E se li volete di carta, comprate Gioia e ritagliate lo spillo arancione! Già, a proposito di Gioia: nessuno qui ha comprato e visto il mio pagode-reportage su Gioia, il viaggio in Birmania che è uscito settimana scorsa?

2 commenti

LISA | Venerdì, 7 marzo 2014 @08:05

Che bella la storia dei bigliettini nelle scatolette di fiammiferi. Parole-accendino.

Giusy | Giovedì, 6 marzo 2014 @14:00

...All'epoca c'erano anche bigliettini nascosti dentro scatolette di fiammiferi opportunamente svuotate (che spreco!) Le lanciava il mio nonno materno ai piedi della bella bionda, oggetto dei suoi desideri. A suon di scatolette, si amarono moltissimo e fu un matrimonio davvero felice, nella buona e cattiva sorte. Detto senza ombra di retorica.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.