Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il vento, che porta stelle di primavera.

Martedì, 18 marzo 2014 @08:31

"La bora ha spalancato la finestra.
Calde stelle
cadono sui campi.
Primavera.
Primavera".
(Srečko Kosovel)
Il vento, che porta stelle di primavera.

Srečko Kosovel. Nome (quasi) impronunciabile. Un poeta sloveno del Carso, il Carso pietroso che circonda dall’alto Trieste, la mia città; Carso di ciclamini, muretti, pietre scabre e vento. Un poeta legato ai miei sedici anni: le prime poesie sue che ho letto erano il regalo di un ragazzo romantico, e sloveno, come lui. Da allora sono passati molti venti e molte pietre; e una sorpresa, quando ieri ho scoperto che è stato appena rieditato un suo libro: "Tra Carso e Caos – Pre/sentimenti", 40 poesie di Kosovel nella traduzione di Darja Betocchi, e 13 composizioni costruttiviste (il movimento a cui aderì il giovane poeta) del pittore Eduard Stepancic. Ed è della piccola, giovane casa editrice triestina Comunicarte: http://www.comunicarte.info . Tra l’altro, oggi è un poetico anniversario: Kosovel nasce il 18 marzo 1904 (e muore giovanissimo, a 22 anni) a Sežana, allora impero austro-ungarico, oggi Slovenia. Ma le stelle di primavera sono le stesse.

5 commenti

Giusy | Mercoledì, 19 marzo 2014 @16:13

Monica, quindi sei passata dai quartieri eleganti a quello popolare. Sapevi che la Boca, illo tempore (molto... illo... verso la metà del 1800, credo) era il quartiere dei genovesi? (troppo complicato spiegare il motivo per cui...) Pensa che, nel vernacolo buonerense ( "lunfardo") gli abitanti di quel barrio vengono ancor oggi chiamati "zeneisi" (scrivo come pronuncio).

Giusy | Mercoledì, 19 marzo 2014 @16:01

Patri, prendo al volo il tuo mazzo di fior di mandorlo! Ho avuto uno splendido compleanno.

Marta | Mercoledì, 19 marzo 2014 @09:01

@giusy
Con ritardo, scusandomi, ti rispondo. Per lavoro ero a Belgrano ma sono andata spesso a Recoleta, la Boca e Caminito e mi sono riempita gli occhi di tante persone, tante cose, tante vite diverse

patri fiorista | Martedì, 18 marzo 2014 @15:38

Anche se in ritardo un sacco di auguri Giusy, e un mazzo enorme di fior di mandorlo fiorito in modo spettacolare nel mio giardino. Un saluto a tutte/i Patri ,

Giusy | Martedì, 18 marzo 2014 @11:45

Grazie Lisa. Mi è arrivato un soffio di bora e di poesia con i tuoi auguri.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.