Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Bivio. Io e le mie possibilità.

Lunedì, 24 marzo 2014 @08:03

"Per prima cosa ho visto tre ragazze,
dopo ho intuito che era una soltanto
moltiplicata.
Finché ho capito che ogni ragazza
ne contiene altre due,
fiore con tre corolle, equazione a tre incognite.
Avere quell’età, significa sostare innanzi a un bivio:
da un lato sta il passato appena prossimo
dall’altro un futuro duale – scelta,
biforcazione, sesso, forbice."
(Valerio Magrelli)
Bivio. Io e le mie possibilità.

Il Buongiorno di oggi è tratto da "Il sangue amaro", Einaudi.

4 commenti

Valentina Maria Elisabetta | Mercoledì, 26 marzo 2014 @17:49

Stupenda....

Monique | Mercoledì, 26 marzo 2014 @10:39

Certo Aminta, parlo da provetta scalatrice ;-)
Buona giornata a chi sale e a chi scende!

Aminta | Martedì, 25 marzo 2014 @21:55

Non è detto che ogni azione ci apre davanti un bivio. spesso si apre un quadrivio e non è detto che le strade siano tutte in discesa o in salita e non è detto che arrivati a una ipotetica cima ci si senta soddisfatti.

Monique | Lunedì, 24 marzo 2014 @12:18

Ogni azione ci apre davanti un bivio. La prima strada assomiglia ad una discesa: non si pedala, non si fa fatica, ma si corre il rischio di cadere. La seconda è più simile ad una salita: si suda e dietro ad ogni tornante si nasconde l'insidia di mollare. Arrivati in cima però si ha la sensazione di aver portato a termine qualcosa di grande...

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.