Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Credo in un caos profondamente ordinato, scuro e lucente: il mondo, e il mio amore per te.

Lunedì, 31 marzo 2014 @08:48

"Quando lui apre la scatola vedi qualcosa di scuro e brillante, un caos ordinato di schegge, rifiuti, un pizzico di immondizia e penne e ali di farfalla, frammenti e totem di memoria, mappe di un esilio, documentazione e perdita. E allora dici, chinandoti: il mondo!"
(Michael Chabon)
Credo in un caos profondamente ordinato, scuro e lucente: il mondo, e il mio amore per te.

Il Buongiorno di oggi è legato a un film: "Grand Budapest Hotel", di Wes Anderson (che ho visto ieri sera, e in Italia esce ad aprile). Non vi racconto nulla: ma andate, uscirete sorridendo. Un film che ha il ritmo perfetto delle parole di Chabon, lo scrittore pirotecnico americano, fan e amico di Anderson (sono anche la chiusa di un articolo su di lui, uscito su Repubblica). Quando i film sono piccole magie.

3 commenti

Valentina Maria Elisabetta | Martedì, 1 aprile 2014 @12:39

Ti consiglio MOONRISE KINGDOM come primo della serie allora :)

LISA | Lunedì, 31 marzo 2014 @13:55

Di Wes Anderson avevo visto solo I Tenenbaum. "Grand Budapest Hotel" è una fantastica favola caleidoscopica e mitteleuropea, ora mi toccherà recuperare gli altri film!

Valentina Maria Elisabetta | Lunedì, 31 marzo 2014 @12:52

Stupendo! A Londra c'è da un po'. Wes Anderson è un genio! Amo molto anche Moonrise Kingdom e Darjeeling Limited.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.