Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Der Zeit ihre Kunst, der Kunst ihre Freiheit. A proposito di arte, libertà, e Vienna.

Martedì, 15 aprile 2014 @09:17

A ogni tempo la sua arte, all’arte la sua libertà.

Pensavate che vi raccontassi di Milano e di cronache glam cheap dal Salone? E invece no. Per due motivi. Perché a Milano, tra una sedia, una lampada e un’installazione colorata mi sono infilata a Palazzo Reale, in un viaggio indietro nel tempo, per vedere la mostra di Klimt (aperta fino al 13 luglio). Due "coups de coeur": la Salomè, di sensuale selvaggeria, con multi-bracciali di perline colorate che mi hanno fatto venire in mente i braccialetti multicolor che ci piace indossare oggi. E il Fregio di Beethoven: non quello originale, ovviamente, che è ancora a Vienna, in uno miei luoghi del cuore nella capitale austriaca, il Palazzo della Secessione (a Milano vediamo un fake "d’epoca", che fu esposto anni fa una Biennale di Venezia). Ma è emozionante lo stesso; quando sono entrata e ho rivisto l’abbraccio dorato, di un uomo e una donna, l’abbraccio forte e avvolgente che ognuno di noi sogna, ho riprovato la stessa emozione dei miei 16 anni, quando, per la prima volta a Vienna, sono entrata al Belvedere e mi sono trovata di fronte "Il bacio" di Klimt. Da allora quel dipinto l’ho visto dappertutto, pop e miniaturizzato, su tazze, T-shirt e cartoline; ma rivedere gli abbracci di Klimt mi scalda e mi commuove sempre. Quella stretta, quello che desideriamo dall’amore. E dunque è da Klimt che viene il Buongiorno di oggi: la frase scritta a lettere d’oro sul Palazzo della Secessione, sotto la cupola di foglie gold, rimossa dai nazisti nel 1938, e poi ritornata a splendere. Mi piace in tedesco, più dura ed evocativa: "Der Zeit ihre Kunst, der Kunst ihre Freiheit".
Quindi? Quindi il Buongiorno di oggi è un invito a Vienna. A vedere la mostra di Klimt, se siete a Milano. O a comprare Gioia in edicola: trovate, oltre al mio #spillo, quattro pagine di Lisa-guida a Vienna. Il titolo dice tutto: "Non solo Sachertorte"! Ma non preoccupatevi, c’è anche quella.

2 commenti

LISA | Martedì, 15 aprile 2014 @14:01

Sottoscrivo completamente. E aggiungo: in un momento di umana tenerezza. La tenerezza nella forza è quella che ci protegge.

Lis@TS | Martedì, 15 aprile 2014 @11:46

Mi sorprende sempre scoprirmi in sintonia con te, cara Lisa! Anch'io sono un'estimatrice di Klimt e vedere "dal vivo" Il bacio al Belvedere qualche anno fa mi emozionò e colse di sorpresa: non me lo immaginavo così grande! L'abbraccio, poi, mi suscita sempre una gran tenerezza per l'uomo, che sovrasta la donna e quasi la ingloba in sè, ma nello stesso tempo cerca il suo sostegno e conforto, in un momento di umana debolezza.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.