Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Tempo delle lacrime. Tempo di nessuno. Tempo per me.

Lunedì, 6 ottobre 2014 @08:31

"Quella pista
che attraversa il mio
corpo

una strada
di raggelato
dolore

neri
i margini feriti
della notte

tempo di nessuno
tra
le lacrime"

(Mariella Mehr)

Tempo delle lacrime. Tempo di nessuno. Tempo per me.

La poesia di oggi è tratta da un piccolo libro Einaudi appena uscito: "Ognuno incatenato alla sua ora". Una nuova poetessa che sto scoprendo, nata a Zurigo nel 1947.

5 commenti

una a caso | Lunedì, 6 ottobre 2014 @16:12

a dire il vero lo trovo interessante , con argomenti originali , frutto di una esperienza diretta (grazie lisa ) il che non è poco il piacere ti viene leggendo , nelle risposte o commenti c'è molto poco .....alle volte mi sembrano sorrisi di convenienza ..

Giusy | Lunedì, 6 ottobre 2014 @14:30

...post incompleto: per "qui" intendevo il salotto verde...

una a caso | Lunedì, 6 ottobre 2014 @13:58

...veramente neanche qui ... non credere che io ne abbia bisogno con 5 nipoti che girano su e giù .... ma non mi sembrava bello iniziare un lunedi in questo modo

Giusy | Lunedì, 6 ottobre 2014 @13:47

.... e come è bello terminarla col sorriso... qui non manca mai

una a caso | Lunedì, 6 ottobre 2014 @08:50

come è triste cominciare la settimana con le lacrime

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.