Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Utility jacket?

Domenica, 28 febbraio 2010 @08:37

Sì, lo so che non si dovrebbe, che è un brutto vizio delle giornaliste di moda o presunte tali. Però mi perdonate lo stesso se vi piazzo qui una parola in inglese, anzi due? Eccole: "utility jacket". Il punto è che non riesco a trovare un altro modo per definire la giacca che tutte, forse, vorremmo questa primavera. La giacca rubata al guardaroba di lui, così come i "boyfriend jeans" (aiuto! Altre due parole in inglese!), quelli un po’ largotti e stracciati, di cui già l’anno scorso ci siamo innamorate (io, almeno, che la scorsa primavera mi sono comprata i primi jeans della mia vita e ci ho scritto sopra un pezzo, ricordate?), e che non vediamo l’ora di tirar fuori dall’armadio, appena metteremo via il guardaroba artico. Ma sì, sto parlando di quella giacca multi-tasche e multi-uso, di ispirazione a metà tra il militare e il meccanico. Meccanico, nel senso dell’uomo aggiustatutto così prezioso nelle nostre vite, quella figura ibrida tra tecnico del computer e idraulico che tutte vorremmo aver sposato. (Io ne ho sposato uno, ma non mi presta la sua giacca, in questo è irremovibile). Adesso, che meraviglia, la maschia "utility jacket" è stata sdoganata anche per le ragazze di tutte le età, e in vari modelli fashionisti, come è giusto.
E adesso arriva la domanda fatale: con che cosa si porta? In questo siamo molto, molto più fortunate degli uomini aggiustatutto a cui la rubiamo: perché noi, certo, la possiamo mettere sopra un paio di jeans, come loro; ma funziona perfettamente anche con leggings e ballerine; oppure, a contrasto, sopra un microabito.
Ma soprattutto, e questo è il vero segreto, il giaccone multiuso ha quello che Vogue ha definito "practical magic" (sì, lo so, altre due parole in inglese, però tanto l’articolo è quasi finito e prometto di non usarne più). Ovvero? Quella "magia pratica" (vero che in italiano non suona così bene?), che ci permette di uscire… senza borsa. Finalmente! Già, perché il giaccone multiuso abbonda ovviamente di maschie e pratiche tasche, dove potremo infilare cellulare, chiavi della macchina, portafoglio, occhiali da sole e rossetto, e sentirci finalmente libere di girare per la città felici e leggere. Senza la nostra amatissima, ma ahimé pesantissima borsa. (Stavo per scrivere it-bag, ma come vedete mi sono trattenuta proprio all’ultimissimo minuto).

(Questo è un articolo che ho scritto per Grazia. Io sono a Milano glam cheap, catapultata nella moda, e oltretutto senza utility jacket)

3 commenti

scritto | Giovedì, 4 marzo 2010 @14:19

con i piu' sinceri complimenti e con ammirazione.Grazie di esistere

Lei e il suo caffè al ginseng | Domenica, 28 febbraio 2010 @22:39

Carissima Lisa, sei a Milano!
Per quanto ti tratterrai? Parteciperai a qualche evento?

Lila | Domenica, 28 febbraio 2010 @18:59

Grazie per i tuoi consigli modaioli Lisa e salutami Milano, una città cui sono rimasta affezionata. Attendo cronache fashion (o mamma: una parola in inglese).

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.