Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Tre cose hanno il sapore del mondo che verrà: il sabato, il sole e l’amore coniugale.

Giovedì, 30 aprile 2015 @09:51

"Come diceva il rabbino: tre cose hanno il sapore del mondo che verrà: il sabato, il sole e l’amore coniugale".
(Jenny Offill)
Il mondo che verrà.

Vi ho già parlato di "Sembrava una felicità" (NN Editore), vero? Un piccolo libro di una scrittrice americana (tradotto da Francesca Novajra, ed è interessante anche leggere la sua nota di traduzione) che è stato anche il mio #spillo su Gioia, un libro che ho tutto sottolineato, prosa poetica, quasi un diario, frammenti di pensieri, pezzi di lettere a sé, frasi sparse, come fossero segnate su un notes o su un iPhone… Tutto questo insieme, per una storia che è la storia di tante: un bimbo che nasce, un matrimonio che sembra dissolversi. Ma c’è anche la sfavillante promessa del mondo che verrà, dell’amore coniugale – fragile eppure forte.

Vi lascio con questo pensiero, fragile e forte. Da domani sono in viaggio: prima Milano, spero per l’Expo, se riesco a trovare i biglietti (funzionerà #piacerelisacorva?); poi Venezia, per l’opening Biennale. Riapparirò di sicuro per lo #spillo giovedì prossimo, e se l’Expo non mi inghiotte, anche prima.

1 commento

Carla | Giovedì, 30 aprile 2015 @20:16

L'amore coniugale... E come dice il Papa se finisce non è colpa dell'emancipazione delle donne!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.