Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il disarmante potere della gentilezza.

Martedì, 19 maggio 2015 @08:15

"Edith si voltò, mentre le lacrime le gonfiavano gli occhi. La gentilezza degli altri, pensava. Le loro inattese cortesie".
(Anita Brookner)
Il disarmante potere della gentilezza.

Un altro Buongiorno tratto dal #librochemiaspettava, "Hotel du Lac" (Neri Pozza; cliccate sul nome dell’autrice per saperne di più).
Quanto alla gentilezza, basta poco, pochissimo. Quel poco che, in un momento in cui siamo fragili, tristi, ci fa venire le lacrime agli occhi: come nella pagina del romanzo di oggi, come capita, spesso. Ma è vero che un gesto gratuito di gentilezza ci tocca, un'inaspettata carezza. Allora cominciamo noi, oggi, adesso. E’ così facile, così contagioso: "praticate gentilezza a caso e atti di bellezza privi di senso", come dice una frase-mantra che troppo spesso dimentico.

4 commenti

LISA | Mercoledì, 20 maggio 2015 @08:14

E' vero, Alessandra R.: quelle gentilezze che abbiamo in tasca… Usiamole!

Nidia | Martedì, 19 maggio 2015 @21:37

Lo sto leggendo, gradevolissimo!

Alessandra R. | Martedì, 19 maggio 2015 @16:40

Proprio così. E, seppur per un attimo, ci dimentichiamo di quelle che teniamo in tasca.

Paola | Martedì, 19 maggio 2015 @14:52

perchè la cosa più bella è sentirsi riconoscenti verso la gentilezza. la gentilezza d'animo e la gentilezza dei gesti, se solo ce ne fosse di più... (velo di nostalgia!)
Ciao Lisa, un buon martedì... :D

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.