Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Area di transito. Il primo aereo, per dove?

Lunedì, 8 giugno 2015 @08:49

"Si mise a girare per l’area di transito dell’aeroporto preso all’improvviso da un’euforia vacanziera. Magari fosse stato lui a dover partire per Barcellona, Atene o Los Angeles!"
(Anna Grue)
Area di transito. Il primo aereo, per dove?

Non vi è mai capitato di essere in aeroporto, o in stazione (ma in aeroporto è più divertente), a guardare il tabellone luminoso delle partenze e a sognare di prendere il primo aereo per molto, molto lontano? A me sì. Ma siccome anche con un libro si può viaggiare, io vi consiglio un giallo, giallo da vacanza, giallo da spiaggia, 400 pagine che appena ho letto, divertendomi. Lei è Anna Grue, e questo, appena uscito, è il suo secondo romanzo pubblicato in Italia: "Il bacio del traditore" (Marsilio). Protagonista, Dan Sommerdahl, "detective calvo", ovvero quarantenne danese belloccio, testa rasata, ex pubblicitario e detective per caso, che qui indaga su un giovane, bellissimo, misterioso truffatore di donne over 50, un ragazzo che le fa innamorare e poi scappa con i soldi… Grazie a Marsilio, che ci porta in Italia il meglio dei gialli nordici (e io sono qui che aspetto una nuova puntata di Asa Larsson, sempre Marsilio: se non avete mai letto i suoi gialli, non fateveli scappare).

0 commenti

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.