Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Dove tu passi si fa autunno e sera.

Giovedì, 5 novembre 2015 @08:01

"Dove tu passi si fa autunno e sera."
(Georg Trakl)
Dove tu passi c’è un fruscio di foglie d’autunno, c’è il giorno che diventa notte, la carezza del buio. Ci sei tu.

Georg Trakl è uno dei primi poeti che ho amato, sottolineato, stropicciato, insieme a Neruda. Era un vecchio librino con il testo in tedesco a fronte, ce l’ho ancora. Di lui, di Trakl, sapevo poco. Sapevo che era austriaco, nato a Salisburgo nel 1887; lì, a Mirabell Park, ho poi ritrovato qualche anno fa, in una passeggiata con un amico, i suoi versi, in una lapide, in uno dei parchi più belli della città. Solo adesso – molto tempo dopo la prima lettura dei sedici anni – ho capito il suo tormento, l’amore troppo amore per la sorella, la vita allucinatoria di droghe e alcol, la guerra (la prima guerra mondiale fatta di trincee sanguinose), il suicidio o morte accidentale per cocaina. Ma per me Trakl rimane questo, questi versi che sanno d’autunno, di viali nei parchi, di buio compassionevole e foglie per terra. Anche per questo l'ho scelto come #spillo della settimana su Gioia. (Dove trovate, tra l'altro, un mio corvapezzo sui mercati - i food market dove si compra e si mangia - in giro per l'Europa!).

8 commenti

Giusy | Domenica, 8 novembre 2015 @17:22

Postilla al mio precedente commento: W anche gli "Spilli" e i vari reportages..e non sono certa che ti basterà il bavero della giacca per appuntare tutti gli apprezzamenti sinceri che ricevi quotidianamente.

Alessandra R. | Venerdì, 6 novembre 2015 @16:09

Ah le spille! Ne ho sempre cercate ma non ho mai trovato quella adatta a me o, forse, perchè non so appuntarle. Ma ne custodisco una della mia nonna. semplice, piccola ma so che è lì e serve o sono nel mood, eccola lì da appuntare... Io intanto vado ad appuntarmi qualche verso di Trakl... che me lo sia perso? Grazie, non ci avevo pensato (forse perchè pensavo inconsciamente fosse una new entry!)

LISA | Venerdì, 6 novembre 2015 @15:24

Ciao Giusy d'antan (spille comprese), il tweet è quello che ho ricopiato qui sotto, di EffeBi78, una nuova lettrice! Che bello che ti ricordi - e usi ancora - le spille. Ne ho un paio di famiglia che vorrei poter ricominciare ad usare, un accessorio così retrò. Prada le ha proposte, quest'anno: spille oversize di plastica e strass, fiori giganti e colorati da mettere sulle giacche. Spille ingombranti, spille dichiarazione. Mi hanno fatto venir voglia di rimetterle. Per ora sulla giacca mi appunto i miei Buongiorno (e qualche complimento, che non fa mai male!).

Giusy d'antan | Venerdì, 6 novembre 2015 @14:03

Non so come fare per leggere il tuo tweet; Lisa. A dir il vero, non mi sono mai piaciute le spille sul risvolto dei cappotti, ed erano ampiamente passate di moda quelle sulle giacche, sui vestiini eleganti, appuntate con sapienza a sinistra...(troppo alta? troppo bassa, troppo laterale?) io continuo ad appuntare, imperterrita. W le spille!

LISA | Giovedì, 5 novembre 2015 @19:23

Posso copiarvi qui questo tweet che ho ricevuto oggi? Mi è piaciuto tantissimo, anche perché quest'anno tornano di moda (incredibilmente) le spille da appuntare ai cappotti…
@EffeBi78 3 ore fa
@lisacorva @gioiamagazine i tuoi "spilli" sono da appuntare sui cappotti per iniziare bene la giornata! Bellissimo questo legato all'autunno

LISA | Giovedì, 5 novembre 2015 @15:57

Alessandra R: clicca sul nome di Trakl in verde e troverai gli altri Buongiono che gli ho sfilato...

Alessandra R. | Giovedì, 5 novembre 2015 @15:12

Autunno e sera. Il binomio perfetto: la stagione e il momento del giorno che preferisco ovvero la stagione al culmine dei suoi meravigliosi colori e il tramonto che anticipa le ombre. L'autunno nella sua fase iniziale, e il giorno al declinare delle ore. Due poli opposti, che si attraggono, che hanno su di me un effetto balsamo, come questi versi romantici (e leggo, e allora deduco, tormentati). Autunno e sera, il dolce contorno dorato per gli innamorati. PS. Una nuova scoperta questo poeta.

Naty | Giovedì, 5 novembre 2015 @09:54

Lisa...che meraviglia e che splendore questi versi. Leggo e il mio cuore vaga per i viali della mia città, attraverso l'autunno rosso e soleggiato con le tue parole. Amo l'autunno e tutte le sensazioni che regala e se i passi di chi ami sanno trasformare tutto intorno, allora vorrei che fosse autunno sempre...
Buona giornata e grazie, grazie davvero.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.