Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La mano dei nonni. 
I parchi d’autunno. I primi ricordi.

Giovedì, 19 novembre 2015 @07:53

"Nei miei primi ricordi il nonno è calvo come un uovo e mi porta a vedere le tigri. Si mette il cappello, l’impermeabile con i grossi bottoni; io indosso le scarpe di vernice e il vestito di velluto. E’ autunno e ho quattro anni". 

(Téa Obreht) 

La mano dei nonni.
I parchi d’autunno. I primi ricordi.

A proposito del Buongiorno di oggi, che è anche il mio #spillo su Gioia. Domenica scorsa ero a Milano, e sono andata al Parco di Porta Venezia con il mio nipotino, il figlio di mio fratello, che ha un anno e mezzo e si chiama Zeno. C’è ancora tutto quello che ricordo di quando ero piccola anch’io: un angolo vintage, orgogliosamente vintage, tra gli alberi e le foglie d’autunno. La giostra con le mini astronavi colorate che si alzano, le macchinine a pedali, il trenino. C’è qualcosa di dolce e malinconico in tutto questo, come i parchi d’autunno.

8 commenti

Meggy | Martedì, 1 dicembre 2015 @13:26

Allora ragazzi! Glam and Cheap è arrivato! Ammetto una cosa, l'ho subito sfogliato per vedere come andava a finire la storia di Emma :-) Non potevo più aspettare! Avevo un nodo in gola! Dovevo proprio scoprire che alla fine lei rimaneva incinta... Io sono all'inizio di un perscorso(spero proprio che non sia lungo) . Al inizio del prossimo anno mi aspetta la mia inseminazione. Incrociatemi le dita!!! Un caro saluto

LISA | Lunedì, 23 novembre 2015 @07:28

Meggy, dunque presto incontrerai Stella di Glam Cheap! Ma intanto, se hai voglia, raccontaci di te, delle tue peripezie da aspirante madre.

Giusy | Domenica, 22 novembre 2015 @14:37

Meggy, scusa se mi intrometto: Glam Cheap va letto! E fa anche rima...

Meggy | Venerdì, 20 novembre 2015 @19:22

Una sera mentre vagavo nei forum delle aspiranti madri, ho trovato delle belle parole sul Suo libro. Così mi sono messa a cercarlo per i negozi, ma il mio compagno mi ha fatto una sorpresa, ordinandolo in internet. È arrivato in due giorni è praticamente l'ho divorato come un bel piatto di sushi!!! Ora non mi rimane che comprare Glam and Cheap :-) Un caro saluto

LISA | Venerdì, 20 novembre 2015 @18:58

Meggy, che bello che il Libro Rosa - quando è uscito le lettrici l'avevano ribattezzato così - venga ancora letto! E chissà dove l'hai trovato… Mi piacerebbe molto saperlo. Quando al sequel, non proprio: ma nel mio secondo romanzo, Glam Cheap, incontrerai - quasi per caso - ancora Emma, la protagonista di Confessioni di un'aspirante madre. A presto dunque.

Meggy M. | Venerdì, 20 novembre 2015 @18:56

Ho appena letto Confessioni di Una Aspirante Madre, davvero molto bello, l'ho letto quasi in apnea... Mi sono ritrovata in tantissime cose- sushi, profumo di rose, lacrime, persino nei nomi!!! Ma ammetto che speravo tanto in un lieto fine( ciò che spero anche per me stessa). Mi è venuto un dubbio... Non è che c'è un secondo libro to be continued?! Un abbraccio forte e grazie delle emozioni che mi ha regalato!

pier | Venerdì, 20 novembre 2015 @14:34

il trenino dei giardini pubblici, chi non lo conosce ?

Carla | Giovedì, 19 novembre 2015 @12:09

I parchi d'autunno sono bellissimi, anche se i miei nonni erano un po' ruvidi, non era l' epoca dei nonni atletici e interessati: erano solo i miei nonni,che mi portavano al mare con loro per tutta l'estate.
E vedrai come sarà bello riscoprire la città con gli occhi di Zeno... Ci sono leoni e tigri e dinosauri on ogni dove!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.