Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

E’ di nuovo primavera. La terra è come un bambino che conosce poesie a memoria.

Giovedì, 31 marzo 2016 @07:48

"E’ di nuovo primavera. La terra è come un bambino che conosce poesie a memoria."
(Rainer Maria Rilke)
Primavera, sbocciano poesie.

Questo frammento di "Sonette an Orpheus" del sempre criptico (per me almeno) Rilke è anche il mio #spillo su Gioia di questa settimana. Stavolta ho provato a tradurre io: "Frühling ist wiedergekommen", è di nuovo primavera; o forse, ripensandoci, "la primavera è tornata". Il piacere di entrare dentro una lingua straniera e farla propria. Il piacere di cercare ovunque, negli alberi che stanno fiorendo, nei prati, nei giardini di città, i primi segni della gloriosa primavera. Avete anche voi un giardino, un parco, un albero, un terrazzo preferito, che guardate ogni giorno, curiosi di come cambia, di ogni nuovo colore e bocciolo? Io sì. La primavera per me comincia con i crochi viola che spuntano allegri in un giardino di semiperiferia.

2 commenti

LISA | Venerdì, 1 aprile 2016 @09:22

E' bello sapere ancora delle poesie a memoria!

Alessandra R. | Giovedì, 31 marzo 2016 @09:13

Le stagioni ciclicamente e ininterrottamente e puntuali si danno il cambio. Primavera, stagione o stato d'animo che sia, eccola qui tra noi, sotto gli occhi. Occhi che osservano il mutare di nostri giardini o giardini altrui che i nostri occhi prendono in prestito. E a proposito di prestiti e poesie, per me primavera fa rima con Gianni Rodari: è lui il capostipite delle filastrocche imparate a memoria. E io mi ricordo - ancora - questa:

Filastrocca di primavera
più lungo è il giorno, più dolce la sera.
Domani forse tra l’erbetta
spunterà la prima violetta.
O prima viola fresca e nuova
beato il primo che ti trova,
il tuo profumo gli dirà,
la primavera è giunta, è qua.
Gli altri signori non lo sanno
e ancora in inverno si crederanno:
magari persone di riguardo,
ma il loro calendario va in ritardo.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.