Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Wonderland.

Sabato, 20 marzo 2010 @19:04

Alice nel Paese delle meraviglie non è mai stata la mia favola preferita: forse perché è soprattutto una favola per adulti. Però adesso, che è uscito il film-favola firmato da Tim Burton, sono molto curiosa. Intanto, da giornalista fintoglam, ho curiosato tra tutti gli accessori gadget in uscita insieme al film. Ecco l'articolo che ho scritto per Grazia.

Non c’è bisogno di andare a vedere il film (e odiarlo o amarlo, com’è sempre il caso con Tim Burton) per decidere di adottare un look da Alice contemporanea. Perché "Alice in Wonderland", nuova versione della favola di Lewis Carroll, ci ricorda una piccola, magica verità: a volte, nella vita, capita di voler o dover attraversare lo specchio, per ritrovarsi in un nuovo mondo, di cui non capiamo le regole. E allora, tra Cappellai Matti e Stregatti, l’unica strategia di sopravvivenza è spalancare bene gli occhi e comportarsi nel modo più sciocco e audace possibile. Il guardaroba in stile Alice ce lo ricorda: ci ricorda che non dobbiamo, mai, rinunciare allo stupore, alla curiosità, alla leggerezza. E allora dichiariamolo: con un abito iper-romantico. Con la spilla-cartoon di Tarina Tarantino, gli orecchini a cuori e picche di Swarovski… tutte citazioni da favola. Senza dimenticare le borse che Furla ha dedicato alle avventure di Alice (con una buffa chiusura a forma di coniglio, anzi Bianconiglio). Solo gadget, solo marketing? Forse. Ma senza un accessorio magico, del resto, attraversare lo specchio (e ritornare a casa) sarebbe impossibile.

5 commenti

Cam | Lunedì, 22 marzo 2010 @17:10

"Stupore, curiosità, leggerezza" Lisa ci stai rivelendo il segreto dell'elisir dell'eterna giovinezza o almeno una parte della sua formula alchemica. Oggi "black rain" purtroppo, pioggia sporca di cui non riesco a sentire la melodia.
Grazie a SIMONA e all'amica POETESSA per i loro regali; grazie a chi ha letto nel mio animo, intrappolato tra le mie parole.
TREX ricorda "the show must go on", la vita - faticosamente - continua; abbi il coraggio di girare l'angolo, di uscire e farti baciare dalla pioggia che lava via il vecchiio e genera nuova vita (ovviamente se non è pioggia sporca).

Lila | Lunedì, 22 marzo 2010 @12:19

Per Simona Pasionaria: fai i complimenti al tuo consorte per le sue poesie (quella che si intitola L'Onda è la mia preferita). Un abbraccio

Lila | Lunedì, 22 marzo 2010 @12:16

Bello veramente bello il film "Alice in Wonderland", sarà perché mi piace Jonny Depp, sarà perché mi piacciono le favole, sarà perché è la prima volta che vedo un film in 3D, sono stata per quasi 2 ore a sognare insieme a mia sorella.

Simona Pasionaria | Domenica, 21 marzo 2010 @18:57

Come promesso eccovi alcune poesie tratte da "Assonanze" ed. Albalibri e scritte dal mio consorte:
L'ONDA
L'onda del tuo amore
lambisce e lenisce
il baluardo che blocca
ilmio cuore.
Avanti e indietro,
dentro e fuori,
l'onda sprofonda, insensibile
all'insensibilità del baluardo.
I sassi, levigati e lisci,
sono là,
inerti testimoni
della tua perseveranza.

RIFLESSO NELL'OMBRA
L'amore sgorga da te
e mi avvolge,
torna e s'abbatte,
come onda,
sugli scogli delle mie
paure,
sulle barriere della mia
incertezza.
Eppure, quando cala
la notte, nel buio,
l'unico barlume è quell'onda.

FORSE, SPERO ...
Forse il sogno è giunto (al termine)
ed ora,
desto, attento, sveglio,
attendo cose che non arriveranno.
Ah, le disillusioni!
Eppure (credo), anche tu sognasti,
anche tu, vigile, attendesti
e non fosti illusa - anzi -
ti alzasti in volo
senza più scenderne.
Forse ti ho persa (al termine)
ed ora,
sognante, svagato, svogliato,
attendo un ritorno che non avverà.
Ah, le speranze!
Eppure (credo), anche tu ...

carla | Domenica, 21 marzo 2010 @10:05

io il film l'ho visto insieme alla mia bambina di sei anni, che alla conclusione del film ha commentato " però Alice non è come le altre ragazze della televisione perchè è coraggiosa, combatte, e salva la regina bianca...e poi si veste anche bene! " mi sono detta ecco come deve, forse, essere una ragazza del terzo millennio.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.