Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Mi piacciono soprattutto i libri che si possono mandare giù in un boccone, come cioccolatini, con piacere colpevole.

Venerdì, 1 luglio 2016 @08:30

"Adoro i libri. E mi piacciono soprattutto i libri che si possono mandare giù in un boccone, come cioccolatini, con piacere colpevole."
(Isabel Colegate)
Libri e cioccolato, due piaceri a cui non rinunciare mai.

Questa frase, tratta dal romanzo "La battuta di caccia", SuperBeat Edizioni (avete presente? Uno di quei romanzi intermedi, che un po’ ti piacciono un po’ no) è anche il mio #spillo della settimana su Gioia. E descrive perfettamente il piacere di certi libri che si divorano come cioccolatini, appunto. Quali? Io ci metto i miei preferiti delle mie scrittrici inglesi di inizio Novecento (da Elizabeth von Arnim a Nancy Mitford e Stella Gibbons), e certi gialli, preferibilmente nordici (in questo periodo, dopo Åsa Larsson che è pubblicata da Marsilio, mi sono appassionata ad Anne Holt, Einaudi).
E voi?

5 commenti

Carla | Venerdì, 1 luglio 2016 @21:41

I libri e i cioccolatini sono anche due miei piaceri, infatti, mi sono accorta che dispenso libri come si offrono cioccolatini per coccolare gli animi.
L' altro giorno, chiacchierando con un'amica di amore, le ho consigliato un libro che avevo letto a 16 anni: perché la situazione era incasinata come quando avevamo 16anni!! Mi capita spessissimo di offrire libri per lenire i piccoli dispiaceri, o i piccoli colpi di fortuna ( titolo dell' ultimo libro letto, bellissimo!) della vita. In fondo il cioccolato- libro non è anche consolatorio?

Alessandra R. | Venerdì, 1 luglio 2016 @18:03

Senza scomodare cantine e bauli polverosi, un viaggio in metro ha permesso un viaggio a ritroso nel tempo. E lì, come per magia...Cara Famiglia, di Guglielmo Zucconi. Stasera brindo al ricordo con una scatola di cioccolatini!

Alessandra R. | Venerdì, 1 luglio 2016 @16:40

Ho un imbarazzante vuoto di memoria. Ma se mi ricordo e/o trovo il libro, eccome se te lo dico! Buon fine settimana.

LISA | Venerdì, 1 luglio 2016 @16:19

Che buffo, Alessandra. E non riesci proprio a ricostruire, quale fosse quel libro-cioccolatino perduto?

Alessandra R. | Venerdì, 1 luglio 2016 @10:48

Ah Lisa, questa frase sembra cucita addosso a te, che divori insaziabilmente libri. Vorrei riuscire anch'io ad assumerli così, uno dietro l'altro. E per quanto adori il cioccolato non ne ho una qualità preferita; e così per i libri, se penso ad un libro preferito quasi ci devo pensare. Me ne sono piaciuti tanti, certo, ma non ho un autore preferito (forse sì, Andrea De Carlo). E solo un cioccolatino, ops libro, l'ho riletto-mangiato più volte. Era un libro di narrativa, testi obbligati ai tempi delle medie per i compiti delle vacanze estive. Ho rimosso titolo e autore... ma ricordo ancora la copertina con il bordo giallo. Succede, come di dimenticare il sapore di un cioccolatino speciale e ritrovarlo poi all'improvviso in un altro.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.