Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Amore, e altre migrazioni cosmiche.

Giovedì, 13 ottobre 2016 @08:42

"Una migrazione cosmica è iniziata stasera:
carovane di alberi per la terra scura,
filari di grappoli pronti alla vendemmia,
cascate di stelle di casa in casa,
fiumi che risalgono i corsi – all’indietro!
Tutto questo è stasera, che dormo con te".
(Marina Cvetaeva)

Migrazioni cosmiche. Le stagioni che cambiano, il corpo che cambia, i paesaggi che cambiano, magari all’incontrario, fiumi che vanno all’indietro, città sospese. Migrazioni cosmiche in un letto, quello che dividiamo. Anche i sogni della notte sono migrazioni cosmiche; così come risvegliarsi, al mattino, su questo pianeta. Mi piacciono questi versi di una poetessa del primo Novecento che ho molto amato, una nomade dei sentimenti, ribelle, selvaggia, disinibita (se cliccate sul suo nome in verde trovate altri Buongiorno che le ho sfilato). La poesia che ho scelto è del 1917 ed è tratta da "Scusate l’amore" (Passigli Poesia), a cura di Marilena Rea; con il testo in cirillico a fronte, che mi ricorda che un tempo sapevo scrivere e leggere in russo…
Nel libro (ve l’ho già detto, vero, che la mia ultima passione sono gli erbari?), ho messo delle foglie di alloro, raccolte nel mio giardino. L’ho sempre usato per cucinare, nelle minestre di cereali in genere, ma ho scoperto che si possono far seccare, mettere in micro sacchetti, e usare come antitarme. Ci provo!

12 commenti

LISA | Lunedì, 17 ottobre 2016 @12:44

Io comunque li ho fatti, i sacchettini con l'alloro dentro. Ho aggiunto anche un bastoncino di cannella come suggerito da google-casalinghitudine (no, non è un nuovo sito, è che quando non so come risolvere dei banali problemi di casa chiedo a google...)

Lilabella | Sabato, 15 ottobre 2016 @21:20

Sì, cara Lisa, il mio dire era in risposta a Frrr e in effetti è bello pensare ad un battito di ali. Per l'alloro che dire? Preferisco usarlo per la carne! Un sorriso.

Giusy | Sabato, 15 ottobre 2016 @20:59

Eh, Eh..---hai le antenne cara Lisa! certo che sono io ma l'anonimato è involontario, a volte mi capita per fretta e distrazione di omettere la firma.
Per quanto riguarda l'alloro, mi dispiace. Le tarme ormai si sono fatte certi anticorpi...non conviene rischiare con l'alloro,

LISA | Sabato, 15 ottobre 2016 @10:14

Ma nessuna di voi ha mai fatto/usato dei sacchetti antitarme con l'alloro? Rinuncio?

LISA | Sabato, 15 ottobre 2016 @10:03

Frrr, a volte qui le risposte si intrecciano e diventano risposte inconsapevoli. Lilabella ha scritto, a proposito di migrazioni cosmiche: "Può succedere di tutto quando si ama e non solo una persona ma la vita". In fondo è una risposta a te, Frrr, che ami la vita, ed è per questo che il tuo cuore batte, cerca di nuovo uomini e allegria e amore, è quel battito d'ali che mi fa sorridere, molto Frrr.

LISA | Sabato, 15 ottobre 2016 @10:00

Per Giusy: credo che sia lei l'anonimo, che fa riferimento al DNA triestino.. Il russo studiato e dimenticato, ma me la cavavo, sapevo leggere qualche racconto di Cechov! Però penso al cirillico come un paese straniero che hai amato e che prima o poi ritrovi. O forse questa per me è la Russia, la Grande Madre Russia dell'Ottocento.

LISA | Sabato, 15 ottobre 2016 @09:58

Alessandra R., mi ha fatto davvero sorridere il tuo "che il cosmo sia con te"! Un po' Guerre Stellari... O forse la parola d'ordine per entrare in un club: il nostro.

Lilabella | Venerdì, 14 ottobre 2016 @21:59

Può succedere di tutto quando si ama e non solo una persona ma la vita. Stasera un piccolo pensiero per te, Lisa, e per il salotto verde.

Mi aggrappo alla luce di una stella
stasera, a te che sei notte
piccola luce riflessa
del mio corpo
che adesso riposa
insieme al tuo.
Lila

FRRRR | Giovedì, 13 ottobre 2016 @14:32

Da quando quel progetto di vita (familiare) è fallito, ovvero da quando lui se ne è andato, lasciandomi con i figli, il mio cuore è stato fermo e inerte per un anno e un po', in disperato, lacrimoso lutto.
Piano piano si sono curate le sue cicatrici, guarendo e rifiorendo, in un crescendo esplosivo. Ed ecco ora il mio cuore migrare cosmico....
Come l'ape sui fiori, esplora, si innamora, crede di innamorarsi, si ravvede, riprova. Cuore ballerino, talvolta, ma finalmente vivo...a riaccendere sentimenti ed eros. Nel ciclo vitale della migrazione cosmica.

Anonimo | Giovedì, 13 ottobre 2016 @14:04

anche il russo? non mi stupisce. Senz'altro è patrimonio del suo DNA l'inclinazione poliglotta.

Carla | Giovedì, 13 ottobre 2016 @13:30

Meravigliosi questi versi che ben rappresentano il momento di felicità suprema! Quando tutto sembra possibile, solo perché siamo felici,quando gli alberi si muovono con la forza dell' amore

Alessandra R. | Giovedì, 13 ottobre 2016 @09:06

Ma dai, anche il russo? Sei un'inesauribile fonte di sorprese e scoperte e, naturalmente, di celestiali versi.
Che il cosmo sia con te, sotto qualunque cielo tu sia.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.