Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Apro l’armadio dei giorni.

Venerdì, 28 ottobre 2016 @08:40

"Cammino leggero attraverso il giorno che sorride, invitandoti a indossarlo."
(Stefano Del Degan)
Apro l’armadio dei giorni.

Non è bellissimo pensare di aprire l’armadio e indossare il giorno di oggi? Questa frase leggera è anche il mio #spillo su Gioia di questa settimana.

4 commenti

Lilabella | Sabato, 29 ottobre 2016 @15:20

Ci provo sempre con tutta me stessa ad indossare la leggerezza dei giorni. Quelli che ti sorridono anche senza volerlo regalandoti piccoli grandi doni.
P.s. @ Giusy: sei mitica!
Un sorriso. Lila

Giusy | Sabato, 29 ottobre 2016 @15:13

penso sia utile, se non necessario, indossare ogni giorno un po' di leggerezza da trovare anche in un caldo indumento.
A dir il vero, il giorno appena iniziato non mi sorride: fa "bip". Bip la sveglia, bip il cellulare, lavatrice e lavapiatti, il mezzo della raccolta rifiuti, la retromarcia del vicino di casa e ill suo cancello elettronico. Poi ho il bip-miao della gatta che vuole croccantini alle 6 del mattino. In somma: la prima cosa che indosso è un susseguirsi di BIP!!!!

Mirror | Venerdì, 28 ottobre 2016 @14:08

Oggi indosso un giorno grigio, e un po' di quel grigio penetra nei miei pensieri.

Alessandra R. | Venerdì, 28 ottobre 2016 @09:45

E oggi vorrei, anzi voglio, indossare un solo abito: quello solare. Di una tonalità dorata e avvolgente e accogliente, come un fitto tappeto di foglie gialle... perchè per indossare l'abito-del-giorno giusto ci vuole anche una passerella degna di nota! Che sia un venerdì dall'outfit smagliante!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.