Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Tre vite. Il segreto è non lasciare mai quella più vera. Tenerla, di nascosto, per mano.

Martedì, 16 gennaio 2018 @09:21

"Abbiamo tre vite: una pubblica, una privata e una segreta."
(Gabriel García Marquez)
Tre vite. Il segreto è non lasciare mai quella più vera. Tenerla, di nascosto, per mano.

Ogni tanto incontro delle frasi in giro nel mondo. Nei libri, sui giornali, sui muri per strada, on line. Ogni tanto mi fermo a raccoglierle, come foglie, conchiglie, o sassi ruvidi che diventano quasi lisci se li tieni in mano. Questa frase, dello scrittore latinoamericano Nobel Letteratura nel 1982, è diventata lo #spillo della settimana su Gioia.

5 commenti

LISA | Domenica, 28 gennaio 2018 @11:32

Grazie, Francy. La vita è fatta di passaggi. E segreti. Ma brilla di più se abbiamo tempo per pensarci, vero? E sono contenta se gli spilli servono anche a questo.

Francy | Mercoledì, 24 gennaio 2018 @13:40

Interessante pensare ad una vita segreta fatta di ciò che maggiormente desideriamo, viaggi di fantasia, percorsi nuovi per valutare le possibilità di rinnovarci e magari migliorare. Insomma una vita motivante a progredire anche quando arrivata all'età della pensione sembra che tutto sia finito o quantomeno molto molto diverso da quanto anche pessimisticamente avevamo immaginato. Grazie per questo spunto di riflessione. Leggerti, cara Lisa è sempre istruttivo, ma non solo, è di volta in volta motivante, consolante, divertente.

LISA | Venerdì, 19 gennaio 2018 @13:57

Già, che cos'è la vita segreta? Non necessariamente una vita di bugie e omissioni e tradimenti, o di segreti nel telefonino, Carla, come nel film Perfetti sconosciuti (che peraltro è piaciuto molto anche a me). Certo, può essere quello la trama di cui è intessuta. Ma se penso a una vita segreta penso a quello che magari non raccontiamo neppure a noi stessi; i momenti di imbarazzo, di vergogna, le invidie, i sogni, le revêries, i rimpianti, i progetti, magari solo visioni. Tutto quello che ci viene in mente in una passeggiata senza meta, o in un viaggio da pendolari. Tutto quello che è la nostra vita immaginata - che poi magari diventa realtà, o solo appunti in un piccolo diario che teniamo sempre in borsa.

roma | Giovedì, 18 gennaio 2018 @08:11

penso che la vita segreta sia quella fatta di sogni ,speranze , ambizioni nascoste , desideri , viaggi immaginati e desiderati , ,,,,,,il segreto per me sta nel mescolarle tutte e tre ,come lisa quando raccoglie u sasso che le fa sognare chissà cosa e la porta chissà dove ,,,,

.....

Carla | Martedì, 16 gennaio 2018 @21:32

Questa frase è la stessa da cui parte il film "Perfetti sconosciuti", che ho visto e che mi è piaciuto. Il dubbio che mi è rimasto, dopo averlo visto, è se sia vero che ne abbiamo tre. Quella pubblica e privata non sono da definire, sono note e si intuisce facilmente che cosa sottendano. Ma la domanda è su quella segreta: nel film, la segretezza sta nel sognare
una vita diversa, fatta di relazioni e sensibilità che non sono esplicite neanche a se stessi. O meglio di vita segreta da tenere nascosta tra. Non so se quel tipo di vita segreta mi piace, anzi no, , ma mi piace la vita segreta che devo ancora scoprire e conoscere. E allora se è così, anch’io penso di avere una vita segreta, una vita che non conosco, una vita che aspetta di uscire appena io sarò pronta ad abbracciarla.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.