Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

8 marzo. A proposito di amiche maglione e di donne che ti scaldano la vita.

Giovedì, 8 marzo 2018 @09:01

"Un’amicizia tra donne è come un continuo rammendo; è un maglione, anzi tanti maglioni; è il sospiro di sollievo con cui, il primo giorno d’autunno, apriamo l’armadio e loro sono lì, che ci aspettano. Sono maglioni di shetland, che pizzicano un pò, come amiche dal carattere pungente, non risparmiano critiche taglienti; sono i pull modaioli, che amano stare in vetrina, sotto gli occhi di tutti, amiche-energizzanti… E poi c’è il cardigan comprato per caso in un giorno di pioggia in campagna o in una città straniera. faceva così freddo e non avevamo niente di caldo in valigia. Un cardigan, poi. Chi li mette più? E invece quel maglione comprato per caso diventa il nostro preferito, non sappiamo più farne a meno: anche quando perdiamo uno, due bottoni, quando la lavatrice lo strapazza, quando è liso e sciupato sui gomiti, quando qualche tarma si permette di bucarlo. Ma pazienza. E’ il maglione che ci mettiamo quando siamo tristi, quello in cui stiamo più comode; quello che portiamo sempre in aereo per dormirci dentro, quando il viaggio è troppo lungo. E’ l’amica che chiamiamo quando la vita ci fa sentire al freddo. Quella che sa come consolarci, sempre". 

La riconoscete? È una pagina dal mio ultimo romanzo, "Ultimamente mi sveglio felice". Sì, lo so, è passato un po’ di tempo, forse dovrei scriverne un altro…
Ma intanto mi piace ricordare queste frasi di lana e cachemire oggi, in questo freddo 8 marzo. Con un pensiero per tutte le mie amiche maglione (anche quelle che non ci sono più, perse per strada, non tutti i maglioni resistono nell’armadio). Ma anche per le donne che mi scaldano la vita. Le artiste, le architette, le designer, le attrici, le scrittrici che ci regalano dei pezzi di mondo nuovo; quelle di cui scrivo, leggo, che intervisto. E le amiche…
La mia amica Alessandra Masu che colleziona solo quadri al femminile e che mi manda immagini e storie di donne che trova alle aste; la mia amica Stefania Rossotti che ha appena scritto un libro dal titolo mantra, "Il giorno uno di noi due", le mie amiche Almira Sadar e Colomba Leddi che creano abiti in cui mi sento, sempre, più bella. Ma anche la donna sconosciuta che ha una parola e un gesto gentile, in un giorno dove piove dentro e fuori... L’amica che mi manda foto su Instagram per trovare nuove ispirazioni e mi apre finestre nel mondo; le amiche compagne di banco che ti conoscono da quand'eri a scuola; l’amica che fa biscotti e quella che fa marmellate; l’amica che ha sempre una stanza per me nella sua vita (e sul comodino ci sono sempre dei fiori); quella che organizza un tè, oggi, per l’8 marzo, un tè un po’ rivoluzionario perché abbiamo ancora tanta strada da fare… Perché "we should all be feminists" è anche questo: ricordare le donne che sono venute prima di noi. E andare avanti.

3 commenti

LISA | Venerdì, 9 marzo 2018 @09:38

E' vero, Carla: ancora una volta, piccole donne crescono.

Carla | Giovedì, 8 marzo 2018 @19:45

Istruzioni per fare oggi
La rivoluzione

Un vestito nuovo, un fiore sul balcone,
Un sorriso bomba, un raggio di sole,
Fare l’amore senza moderazione.

E guardare le nuvole, pieni di stupore.
( F. Genti)
Questo è stato il mio augurio a tutte le donne, e con le mie studentesse abbiamo recitato la preghiera della ragazza misto seta.
Perchè è meraviglioso guardare le donne che sono venute prima di noi, ma dobbiamo avere cura di quelle che ci sono e che diventeranno quelle di domani.

Alessandra R. | Giovedì, 8 marzo 2018 @12:23

"... Cos’altro posso fare per incoraggiarvi a far fronte alla vita?
Le donne devono sempre ricordarsi chi sono, e di cosa sono capaci.
Non devono temere di attraversare gli sterminati campi dell'irrazionalità, e neanche di rimanere sospese sulle stelle, di notte, appoggiate al balcone del cielo.
Non devono aver paura del buio che inabissa le cose, perché quel buio libera una moltitudine di tesori.
Quel buio che loro, libere, scarmigliate e fiere, conoscono come nessun uomo saprà mai...
La vita è ardua, difficile, una lotta senza fine.
Richiede coraggio e una forza giganteschi.
Più di ogni altra cosa, forse, per creature dell’illusione quali noi siamo, essa richiede fiducia in se stessi.
Privi di fiducia in noi stessi siamo come neonati nella culla."

Io stamattina ho mandato queste parole di Virginia Woolf ad una carissima amica che abita lontano lontanissimo (ma vicinissime nel cuore). Realizzo solo ora che è il mio maglione di cachemire pregiato. Che potente metafora. Vado a scriverglielo!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.