Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Leggere, scrivere. Per fermare la vita e capirla di più.

Mercoledì, 25 luglio 2018 @08:19

Che bello leggere, ma anche intervistare chi scrive. E sull’ultimo numero di Gioia trovate tre interviste a tre scrittori. Quello che più mi è piaciuto è chiedere dove e come scrivono, forse perché la scrittura è di tutti, vero? È un invito a scrivere, in un notes, un diario, nel telefonino. Scrivere per fermare la vita e per capirla di più.

Un titolo che cattura, "Biografia involontaria degli amanti" (Neri Pozza), una copertina romantica e nostalgica, e un giovane scrittore portoghese, João Tordo. Al centro del libro la fine, inspiegabile, di un grande amore, e una donna che scompare senza lasciar traccia di sé. Anni dopo, ecco spuntare dal nulla un manoscritto con la sua storia, la sua voce: l’uomo che l’ha amata e la rimpiange riuscirà a capire cos’è successo? Ma si può mai capire perché finisce un amore?
-In realtà non volevo scrivere d’amore, ma d’amicizia. Sono partito da due uomini che si incontrano per caso: il poeta messicano che ha ricevuto le carte segrete della sua donna perduta, ma non ha il coraggio di leggerle; e il malinconico gallego che lo aiuterà a decifrare il passato, andando fino in Canada. Solo scrivendo, però, ho capito che la vera storia non era la loro amicizia, bensì quest’ossessione, quest’amore bruciante e malato: ed è stato interessante seguirlo, raccontarlo, anche dal punto di vista di Teresa, la donna scomparsa.
-Ma noi donne siamo così difficili da interpretare?
-A volte penso di scrivere libri solo per capirvi meglio!
-Incontrarsi, avvicinarsi, sedursi. Cos’è cambiato tra uomo e donna dopo il movimento #metoo?
-Penso che la protesta sia stata giusta, però attenzione: l’America non è l’Europa. Ciò che qui è visto come un gesto passionale, per gli americani magari è solo abuso. Quindi sì all’empowering femminile, ma spero che le donne non smettano di essere… donne. Perché credo alla dolcezza e al fascino della differenza tra i sessi. E al gioco della seduzione, certo.
-Lei vive a Lisbona, ci racconti quello che ama…
-I caffè, dove porto il mio laptop e scrivo. Le "sardinhas" a giugno, il polpo tutto l’anno. La vista dall’alto del fiume Tago e del ponte, che è come quello di San Francisco… E un segreto: camminare per la città senza meta.
-La sua parola portoghese preferita?
-"Esperança": speranza.

Un romanzo-villaggio, e la donna ironica, impegnata, appassionata che l’ha scritto: è "Turbine" (Fazi), in Germania vero bestseller, scritto da Juli Zeh. Tùrbine come le pale eoliche che dovrebbero arrivare in un minuscolo paese tra dune e boschi; ma anche, e basta spostare l’accento, turbìne, perché il progetto è come una raffica di vento e tempesta, rimescola e scompiglia vite e destini, rivela segreti, disfa alleanze e amori. Più di 600 pagine e, alla fine, dispiace che il libro finisca: cosa succederà adesso ad Unterleuten? Il nome del villaggio che è anche un gioco di parole: vuol dire, in tedesco, "tra la gente".
-Un libro-villaggio. Eppure lei è nata in una grande città, Bonn.
-Ma adesso vivo in campagna, con la mia famiglia: nell’ex Ddr. Un paesaggio e un modo di vivere assolutamente nuovi per me.
-Nel libro sono tanti i protagonisti che vanno nel bosco, quasi un "organismo vivo", per pensare, camminare, stare tra le foglie e gli animali. E’ quello che adesso fa a che lei?
-In realtà l’ho sempre fatto, anche quando vivevo in città. Allora andavo a passeggiare nel parco, con i miei cani. Il verde, gli alberi, sono meditazione e ispirazione.
-Una relazione al suo libro che l’ha particolarmente colpita?
-Il libro è anche un libro politico, in qualche modo. lei, se avesse vissuto ad Unterleuten, sarebbe stata pro o contro pale eoliche?
-Contro!
-Per noi italiani, il libro è anche un modo per entrare dal vivo nella storia della Germania, anzie delle Germanie: Unterleuten è nell’ex Germania dell’est, i segreti coinvolgono storie e scandali prima e dopo il muro; ma adess ci arrivcano molti berlinesi in fuga dalla città, "nerds" o ecologisti convinti…
-Io stessa non ero mai stata in Germania Est prima della caduta del Muro, ma adesso vivo qui. Mi piace molto la gente: che crede ancora in valori come la comunità, lo stare insieme, l’esserci per gli altri. Piccoli paesi che magari sopravvivono anche grazie al baratto spontaneo: io ti aggiusto il cancello, tu mi fai da babysitter d’emergenza…
-Germania per lei è?
-La mia lingua. Non solo perché è il mio strumento di lavoro, visto che scrivo in tedesco. Ma per me è anche un elisir di vita.
-Ha dei rituali di scrittura?
-Con dei bambini è tutto, ovviamente, diverso. Scrivo al mattino molto presto, prima che si sveglino. E porto sempre con me il mio cellulare; se ad esempio andiamo insieme a nuotare e ho un’idea, la registro subito a voce sul mio telefonino.
-Quale dei protagionisi del suo libro le è più vicino?
-Forse il vecchio Kron. L’ex comunista che ha tanto lottato per il paese. La sua critica verso le violenze del capitalismo, la sua frustrazione, la sua rabbia anche: la capisco molto bene.

704 pagine e un colpo di scena dietro l’altro: con "La scomparsa di Stephanie Mailer" (La nave di Teseo) è tornato Joël Dicker. Un altro bestseller dopo l’esordio a 27 anni con "La verità sul caso Harry Quebert", tradotto in 33 lingue, più di 2 milioni di copie vendute. Nel nuovo romanzo siamo, ancora una volta, in America, ma in una cittadina immaginaria, Orphea. Dove, vent’anni dopo un plurimo delitto, una giornalista, Stephanie Maier appunto, contatta il poliziotto che al tempo risolse il caso, dicendo che il vero colpevole è ancora libero… Ma, subito dopo, scompare.
-Un libro a più misteri e più voci. Non si perde con tutti questi personaggi?
-Quando scrivo un romanzo, lavoro a molte versioni diverse, a volte anche sei; penso molto alle dinamiche tra i protagonisti, alle loro storie. Magari un personaggio che nella versione finale ha solo un ruolo secondario, all’inizio era in primo piano: li conosco tutti bene, ci vivo insieme per mesi, anni. A volte è persino difficile chiudere la porta del mio studio e lasciarli, per uscire nella vita vera…
-Lei scrive in francese. La sua parola preferita?
-"Grenier": soffitta. Forse perché nasconde sempre segreti e leggende. Che sia la soffitta di casa tua o della tua mente, non importa: ci sono sempre cose da scoprire.
-È nato e abita in Svizzera, ma anche questo romanzo è ambientato in America.
-Per vent’anni, sin da bambino, ho passato le estati da mio zio nel Maine, posto che ho molto amato, dove ho ambientato "La verità sul caso Harry Quebert". E poi d’estate ho cominciato ad andare negli Hamptons: è lì che ho immaginato Orphea.
-Non ha mai pensato di ambientare un libro a Ginevra?
-Non mi sento ancora pronto. Penso che infilerei in ogni pagina i miei amici, il cameriere del mio bar, il postino! Ma forse, chissà, un giorno riuscirò a creare una Ginevra di pura immaginazione.
-Ginevra, dov’è la libreria di sua mamma…
-Sì. Sono cresciuto circondato da libri. E ancora adesso al kindle preferisco il piacere della carta.

Qualche mese fa, invece, ho intervistato Siri Ranva Hjelm Jacobsen, per il suo libro-isola.
Chi è nata in un’isola, o ha un’isola nel cuore, lo sa: quei luoghi circondati da acque sono magici, ci catturano per sempre. Anche per questo è bello leggere "Isola" (Iperborea), dove la giovane danese Siri Ranva Hjelm Jacobsen ci racconta l’isola delle Faer Øer da cui viene la sua famiglia. Sono quelli gli scogli, le storie, i venti che ha nel sangue. Ce li racconta, in pagine delicatamente autobiografiche: una ragazza torna indietro, nell’isola della sua infanzia; e facendolo cerca le tracce, le voci del nonno, della nonna…
-Perché è importante, questo viaggio nella memoria, questo "colloquio" con le donne prima di noi?
-Bisogna leggere i capitoli del passato - la storia di cui facciamo parte -prima di scrivere le proprie pagine. Solo così abbiamo davvero il potere di andare avanti. Il mio consiglio a ogni ragazza è dunque: leggi, domanda, e soprattutto chiedi. E, se hai ancora una nonna, parla con lei.
-Il suo libro parla di una migrazione "nordica" e dimenticata: dalle Faer Øer alla Danimarca. È un modo per ricordare che anche in Europa siamo stati migranti?
-È nel nostro Dna di europei: quanti danesi, o italiani, o irlandesi, hanno lasciato il loro Paese? E quanti giovani adesso se ne vanno? La migrazione non è solo dal Sud del mondo, non sono solo i profughi per mare. Non è qualcosa di alieno, "contro" di noi. Tutti siamo o siamo stati migranti, ed è bene ricordarlo .
-Lei scrive: "Viveva nel futuro, finché non ha cominciato a vivere nel passato. In questo senso era un vero migrante".
-Chi se ne va vive sempre in due posti, il vecchio e il nuovo. Un equilibrio molto delicato.
-Faer Øer per lei: un colore, un luogo del cuore…
-Un colore: il grigio. Che non è un colore triste, anzi. Penso alle sfumature di grigio e piombo del mio mare in un mattino cupo, quando l’acqua è un gigantesco pavimento di vetro. Bellissimo. E un luogo: il parco di Tórshavn, con i suoi alberi eroici che resistono a vento e tempeste.
-La sua parola preferita nella lingua delle Faer Øer?
- "Hjá". L'ho anche messa nel libro, è così bella. Vuol dire sia "appartenere" che "venire da".
-Una reazione al suo libro che l’ha colpita?
-È successo proprio a un reading a Milano. Una donna mi ha chiesto di dedicare la copia che aveva in mano a "una ragazza che si sente un po’ persa e che sta cercando di trovare la strada di casa". Mi sono commossa.


Gli altri libri che consiglio per l'estate sono qui: http://www.lisacorva.com/it/view/1816/

5 commenti

LISA | Lunedì, 30 luglio 2018 @09:30

Carla: sì, devo dire che mi ha dato grande soddisfazione sabato, su Repubblica, firmare il pezzo sui tatuaggi insieme al mio mito, Natalia Aspesi! Per quanto riguarda il workshop di scrittura e moda a Venezia: certo, tutte e tutti benvenuti! Iscriviti, iscrivetevi, ci divertiremo. http://scuolaholden.it/scrivere-di-moda/

Carla | Sabato, 28 luglio 2018 @10:51

Molto divertente il pezzo sul tatuaggio al femminile! Oggi è proprio iniziato in allegria il sabato mattina vacanziero. Senti, invece, i workshop della scuolaHolden sono aperti a tutti senza limiti di età? Mi piacerebbe partecipare...ma come sai sono un po’ grande come studentessa!

Carla | Giovedì, 26 luglio 2018 @10:09

Si, proprio quello. Mi sta piacendo molto: la scrittura è semplice e lineare e la luce fredda/ del nord delle pagine mi catapulta in quel paesaggio che amo molto. E poi, le riflessioni sulla migrazione sono così vicine a tutti noi migranti che mi rimangono scolpite nella mente.

LISA | Giovedì, 26 luglio 2018 @08:17

Carla, stai leggendo "Isola"! Il libro Iperborea, di Siri Ranva Hjelm Jacobsen, che avevo intervistato sempre per Gioia. Ora aggiungo l'intervista sul blog, grazie di avermela ricordata. Ti sta piacendo, il romanzo?

Carla | Mercoledì, 25 luglio 2018 @22:45

Interessanti letture... forse quello che più mi incuriosisce è Turbine, appena finisco Isola e Corpo celeste, lo leggo!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.