Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Primo bacio. Te lo ricordi ancora?

Martedì, 29 ottobre 2019 @08:51

"Io mi lasciai andare. Mentre mi baciava mi sentii come sospinta sul fondo di una piscina, tutto era distorto e sfocato, eppure limpido come vetro. Mi parve di attraversare anni e anni, e riemergere a un tratto completamente diversa". 
(Madeleine Thien)
Primo bacio. Te lo ricordi ancora?

(Il Buongiorno di oggi è tratto da "Ricette semplici", un libro di racconti di Madeleine Thien: scrittrice canadese, ma di radici miste e asiatiche, padre malese-cinese, madre di Hong Kong. Pubblicato da 66thand2nd, come gli altri suoi libri, tra cui uno struggente "L’eco delle città vuote", ambientato in Cambogia. Qui non ci sono ricette, o forse sì: si inizia con un padre, i gesti antichi con cui cucina il riso. Ma forse la ricetta è come tenere insieme la propria vita…
Ho scelto questa frase perché il primo bacio – sempre – non è forse un lasciarsi andare? Magari sott’acqua, come racconta lei. Un’altra dimensione. E no, io il primo bacio non lo ricordo, o ricordo solo confusamente che non sapevo dove mettere lingua e denti. Come mi ha scritto una mia amica stamattina leggendo il post, è stato un bacio "sperimentale")

2 commenti

Lilabella nuova | Mercoledì, 6 novembre 2019 @17:33

Anche il mio primo bacio è stato sperimentale ma sapeva di buono. :-)
Un sorriso a te Lisa e a chi passa nel bel salotto verde!

Anonimo | Sabato, 2 novembre 2019 @21:53

Ben ricordo

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.