Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il mare dentro.

Lunedì, 8 giugno 2020 @09:39

"Qualsiasi vento è vento di mare, e qualsiasi città, anche la più continentale, nelle ore di vento – è marittima. C’è odor di mare, no, ma: c’è aria di mare, l’odore lo aggiungiamo noi. Anche il vento del deserto è di mare, anche quello della steppa è di mare. Giacché al di là di ogni steppa e di ogni deserto – c’è il mare, l’oltredeserto, l’oltresteppa… Ogni viuzza in cui tira vento è la viuzza di un porto".
(Marina Cvetaeva)
Il mare dentro.

Chi mi segue da tempo conosce già le parole con vento di mare di oggi; sono tratte da un libro che la poetessa russa scrisse sul suo incontro con la pittrice Gončarova: "Natalja Gončarova- Ritratto di un’artista", Edizioni delle donne. Ma non potevo non riscriverle dopo che, finalmente, questo weekend, dopo mesi di lockdown e di lontananza, sono tornata a Trieste. Anche se ho sempre il mare dentro, è stato bellissimo ritrovarlo.

1 commento

Francy | Lunedì, 8 giugno 2020 @13:03

Il vento è tutto quello che possiamo immaginare senza avere bisogno degli occhi,al vento ogni cosa che si muove presta il corpo, il vento è disatroso, indifferente , necessario, è un demone , un folletto , una fata, una strega ed è quello che ti fa sopportare il caldo in estate!!!
Il vento è il respiro che ha il mondo per rimanere vivo! Sempre grazie Lisa per gli spunti che ci proponi. buona giornata a tutti. GWTanf

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.