Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Tengo i giorni chiari, quelli scuri li rendo al destino.

Domenica, 1 novembre 2020 @08:49

"Tengo i giorni chiari, quelli scuri li rendo al destino"

(Zsuzsa Bánk)
Accarezzare i ricordi.

Il decluttering dei giorni? Non proprio, anche se mi è venuto da ridere a pensare a un riordino dei ricordi, questo lo tengo, quest’altro no… In realtà mi sembra che la nostra mente lo faccia automaticamente. Ci rimangono i giorni chiari, i momenti di inaspettata felicità o di tollerabile malinconia. Ci rimane la gratitudine, parola essenziale in questi tempi pandemici. Ci rimane la poesia, i libri, le giornate di sole, una vita da accarezzare. E la frase di oggi è tratta dal romanzo di una scrittrice tedesca di origine ungherese: "I giorni chiari", di Zsuzsa Bánk (Neri Pozza, traduzione di Riccardo Cravero). L’avevo intervistata tempo fa proprio per questo romanzo, ecco le sue parole:

"Tengo i giorni chiari, quelli scuri li rendo al destino". Parole luminose di Evi, una delle tre madri che incontriamo nel romanzo di Zsuzsa Bank. Evi, che se n’è andata dall’Ungheria dopo il ’56 (come i genitori dell’autrice), e vive in una baracca di legno ai margini di una piccola città tedesca. Eppure sa trasformare ogni giorno in un giorno chiaro, per la figlia Aja, e per i due bambini che giocano con lei, la piccola Seri e Karl. Un libro che parla di madri e figlie, di destini che si incrociano, prima a Roma e poi di nuovo in Germania, per tutta la vita.
Madre e figlia: un rapporto tormentato, complicato…
"Perché non dire, semplicemente, intenso? Seri e Aja, le figlie del mio romanzo, non sono in lotta con le loro madri. Per quello vanno lontano, a Roma. Se lo possono permettere, perché hanno imparato, proprio da loro, a non avere paura".
Evi è una madre aerea, di luce; la donna dei "giorni chiari". C’è qualcosa di autobiografico?
"Sì: la leggerezza di mia madre, la sua giocosità, la capacità di inventare piccole cose buffe per noi, ogni giorno. In fondo penso che tutte le mie amiche me la invidiassero… In me, invece, penso che ci siano frammenti di tutte e tre le madri del romanzo: c’è la malinconia e la depressione di Ellen, il distacco, a volte, dal quotidiano; la capacità di divertirmi con i miei figli di Evi; la disciplina di Maria".
Lei ha una figlia: che cosa vorrebbe trasmetterle?
"Vorrei che imparasse quello che le bambine del mio romanzo imparano dalle loro madri: a non aver paura della vita. Ad avere la forza di buttarcisi a capofitto; saperne vedere tutti i colori e le possibilità. E poi spero che mia figlia scopra qual è il suo talento, che non lo sprechi. E che si ricordi, anche nei momenti più difficili, che c’è sempre un domani".


1 commento

Anonimo | Lunedì, 2 novembre 2020 @18:16

ricordo bene il suo sorrisetto quando raccontava piccoli episodi familiari. Giorno delle rimembranze? per quanto mi riguarda, no. i ricordi delle persone amiche, di coloro che ho amato profondamente e non, riemergo nella memoria di tanto in tanto. Un abbraccio, Lisa.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.