Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

In die Liebe wie in die Sonne blicken: l'amore secondo Thomas Mann. Anzi, secondo Musil!

Venerdì, 21 maggio 2010 @07:23

"C’è chi si innamora e guarda l’amore come guardasse dritto in faccia il sole, e si acceca; e c’è chi invece guarda per la prima volta con stupore la vita, quando viene illuminata dall’amore"
(Thomas Mann)
Io guardo: guardo paesaggi e città e la linea sottile dell’orizzonte sul mare. E, ancora una volta, mi dico come sono stata fortunata, ad averti incontrato.

Sono in treno con un amico, un carissimo amico di Berlino. Lui legge. Si ferma, segna la pagina e mi dice: senti qui, Lisa, questa frase è meravigliosa, non andrebbe bene per la tua rubrica? Il libro è "Der Mann ohne Eigenschaften", ovvero "L’uomo senza qualità" di Robert Musil; che io ammetto, vergognosamente, di non aver mai letto. La traduzione è mia. Ed ecco l’originale, che ho copiato a mano dal suo libro, in treno:

"Es gibt Verliebte, die in die Liebe wie in die Sonne blicken, sie werden bloß blind, und es gibt Verliebte, die das Leben zum ersten Mal staunend erblicken, wenn es von der Liebe beleuchtet wird".

(Ed ecco il vergognoso lapsus dell'Autrice. Solo stamattina mi sono accorta, grazie ad una pietosa mail, di avere attribuito la frase di Musil a Thomas Mann - ecco come gli errori si diffondono su web! L'amico tedesco, che ho subito chattato, mi ha detto altrettanto pietosamente: dì che è colpa mia... Vabbè, speriamo che sia Mann che Musil mi perdonino. Tutto sommato, come dice l'amico berlinese, entrambi cominciano con M. E tutto sommato, quando si guarda l'amore dritto negli occhi come se fosse il sole, poi si fa fatica a mettere a fuoco tutto il resto. Hmmm... Pietosa scusa, vero?).

8 commenti

gazzella silente | Venerdì, 22 luglio 2011 @22:35

Un anno ... un anno prima ancòra di saperti mio. Un anno prima ancòra che le nostre anime diventassero una cosa sola .
Cos'ero senza di te? Cosa? E chi erano tutte quelle persone intorno a me ? E quali pensieri occupavano la mia mente prima ancòra che fossero catturati tutti da te ?

Marina | Lunedì, 24 maggio 2010 @08:52

Io lo tradurrei in modo più piatto, ma più efficace:

"Ci sono persone innamorate che guardano l'amore come se guardassero il sole dritto in faccia, accecandosi.
Ci sono persone innamorate che vedono la vita per la prima volta e si meravigliano: è la vita illuminata dall'amore".

Lina | Venerdì, 21 maggio 2010 @22:14

bene, si tratta di due grandi scrittori entrambi quasi dimenticati e Lisa li ha riportati alla memoria di coloro che vorranno riscoprirli: Lapsus magico e interessante, come sempre lo è questo blog. Io non intervengo spesso, scuserà l'Autrice il mio commento

Lila | Venerdì, 21 maggio 2010 @21:31

Perdonata Lisa. Anxhe perché con una frase così come si potrebbe non perdonarti? Come si dice a Roma della frase in tedesco non c'ho capito na mazza ma per il resto devo dire che sia la frase che il tuo commento fanno davvero sognare.

Fiorenza | Venerdì, 21 maggio 2010 @20:16

Lisa, ma tu conosci un sacco di lingue! Purtroppo i miei orizzonti NON immaginari non sono nè il mare nè i monti, eppure immagino paesaggi che mi portano lontano. Bella la seconda parte della riflessione dello scrittore.

micheline | Venerdì, 21 maggio 2010 @18:39

Ho acquistato il libro "Che tu sia per me il coltello"spero che arrivi presto,mi ha incuriosito! buon fine settimana.
P.S. stasera a cena annuale con una coppia fantastica,lui tedesco,lei francese.Ill guaio che sarà una cena a base di traduzioni a raffica,infatti io che ho problemi con le lingue avrò sicuramente delle difficoltà a seguirli...come ogni anno.

adriano | Venerdì, 21 maggio 2010 @12:03

e si cara mula, scusa molto pietosa!
ma e' ancora peggio quando chiami la tua donna con il nome di un'altra!
PS: scusatemi se oggi scrivo battute ma un sorriso ogni tanto fa bene! sara' perche' finlamente il tempo si sta mettendo al bello

Lele | Venerdì, 21 maggio 2010 @11:51

è così, lui è il mio sole, è il mio laghetto di montagna trasparente dove mi vado a specchiare, i miei tramonti, i viaggi che non ho ancora fatto. lui è la mia cosa dai mille splendori (per dirla come Han Suyin)! felice giornata.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.