Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Quel pezzo che manca alla luna.

Venerdì, 4 settembre 2009 @07:44

"Neanche stanotte luna piena.
Ne manca una parte.
Il tuo bacio".
(Ghiannis Ritsos)

Neanche stanotte ci sei. Tutto qui parla della tua assenza: il cuscino intatto accanto al mio, la tazza che non è vicina alla mia, le mani che non mi abbracciano, gli occhi che non mi accarezzano. E la luna, figuriamoci. Non ridere, ma persino la luna mi parla di te.

(I versi del poeta greco Ghiannis Ritsos sono tratti da una raccolta antologica che amo molto, pubblicata da Crocetti Editore: Erotica).

7 commenti

Antonio | Giovedì, 2 dicembre 2010 @01:31

Finalmente qualcuno che ama, come me, Erotica di Ritsos! Posso essere tanto sfacciato da dirti che anche io mi diverto a mettere insieme qualche verso ogni tanto? Ti piacerebbe leggerne qualcuno? Complimenti per il blog, ciao!

woland | Mercoledì, 9 settembre 2009 @12:40

FRA L’1 E IL 2 GENNAIO
(MILOŠ DOLEŽAL)

Di notte mi sono dovuta alzare
e scostare la tenda alla finestra
le stelle pascolavano nel prato
e una, nei dintorni di Orione,
ecco che si smarrisce e cade nel pozzo.
L’ovvia vicinanza era un tale incanto
che ho parlato a voce alta
e mi stupisco davvero
che abbiate potuto dormire e non vedere nulla

Un risveglio nella notte. Di quelli che capitano a tutti.
Davanti lo stupore del mondo, della natura e delle cose.
Grazie a questo poeta ceco contemporaneo per l'emozione che ha saputo darmi.

woland | Mercoledì, 9 settembre 2009 @00:40

Il mio cuore è malinconico da sempre. Ho 35 anni e non riesco a ricordare un momento della mia vita in cui regolarmente non mi sono ritrovato sprofondato nel sentimento angosciante e sincero che è la malinconia. Per tutto... anche per i granelli di sabbia che mi passavano nelle mani nelle estati della mia infanzia. Sapevo che non li avrei mai più rivisti.
Per riprendere in qualche modo le parole di una poesia di Trakl (Primavera dell'anima), credo che ognuno di noi debba mantenere sempre intatta la primavera che ha dentro, tenendo sempre a mente che gli autunni del cuore ci sono e ci saranno sempre. Si possono assaporare anche quelli.

"Urlo nel sonno; per nere calli precipita il vento,
l'azzurro della primavera fa cenno tra frangentesi ramaglia,
purpurea rugiada notturna e si spengono all'intorno le stelle.
Verdino albeggia il fiume, argentei gli antichi viali
e le torri della città. Oh mite ebbrezza
in scivolante battello e gli oscuri richiami del merlo
nei giardini infantili. Già si rischiara il roseo velo."

LISA | Martedì, 8 settembre 2009 @13:22

WOLAND, ho amato tantissimo Trakl, la sua tragica storia, e i "paesi autunnali del cuore", come dici tu... Tempo fa, per City, ho usato quest suoi versi:
"Sempre ritorni tu, malinconia
dolcezza del cuore solitario.
Muore avvampando una giornata d’oro".

Le giornate d'oro che muoiono avvampando sono uno dei piaceri dell'autunno. Ma il tuo cuore che si prepara a raccogliere le foglie, è un cuore malinconico? E tu, chi sei? Racconta...

woland | Martedì, 8 settembre 2009 @09:01

Ciao Lisa,
è la prima volta che ti scrivo, ma ti leggo da molto. Su City ogni mattina.

I versi di Ritsos mi hanno riportato alla mente - non so bene perchè - la fine della poesia Canto serale di Georg Trakl.

Quando io presi la tua mano esile
battesti piano gli occhi rotondi:
ora è perduto.

Ma se una buia armonia penetra l'anima
appari tu bianca ai paesi autunnali del cuore.

questi "paesi autunnali del cuore" mi emozionano come poche altre cose... sarà che l'autunno ormai è in germoglio e che lentamente anche il mio cuore si prepara a raccoglierne le foglie.
Buona giornata a tutti.

ale§os | Venerdì, 4 settembre 2009 @12:59

stasera sarà luna piena ,
le nuvole coprono ancora il suo bacio

Lila | Venerdì, 4 settembre 2009 @10:29

Hai ragione cara Lisa quando siamo innamorate ogni cosa ci parla del nostro amato. Sono contenta che tu mi abbia dato il buongiorno con questa poesia, questo autore mi è sempre piaciuto. Buona giornata a tutte/i voi e un abbraccio alla sempre più pasionaria Simona.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.