Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Cerco una baia sperduta.

Venerdì, 23 luglio 2010 @08:56

"Baia sperduta: non più di venti barche a vela.
Reti, parenti dei lenzuoli, stese ad asciugare.
Tramonto. I vecchi guardano la partita al bar,
la cala azzurra prova a farsi turchina.
Un gabbiano artiglia l’orizzonte prima
che si rapprenda. Dopo le otto è deserto
il lungomare. Il blu irrompe nel confine
Oltre il quale prende fuoco la stella".
(Iosif Brodskij)

Finalmente: io e un tramonto sul mare.

(Una poesia con il nome di un’isola: si intitola, infatti, "Procida". E’ del poeta russo Iosif Brodskij ed è tratta dall’antologia "Poesie di viaggio", Edt. E, posso dirlo?, che voglia di baie sperdute...)

11 commenti

Farfalla | Lunedì, 26 luglio 2010 @20:33

si, Renata, in effetti il tramonto è magico, hai trasmesso quella sensazione unica, quasi segreta, quella che emoziona e da speranza

LISA | Lunedì, 26 luglio 2010 @08:06

Grazie, RENATA. Che bello pensare di essere un cioccolatino!

Renata | Lunedì, 26 luglio 2010 @02:25

L'aspetto di queste baie mi è familiare...ad esse sono legati ricordi infinitamente magici della mia vita. Quando attendevi con impaziente calma la lentissima palla rosso-fuoco, che proprio negli ultimi istanti accelerava, come se non potesse più aspettare di tuffarsi, e ti lasciava sempre con la sensazione di avere un tesoro prezioso fra le mani, di cui non avevi saputo, nonostante tutto, godere appieno.
P.S.Il tuo "Buongiorno" è una delle cose che attendo con più gioia, come una piccola coccola, un cioccolatino che assapori dopo una giornata in cui ti sei chiesta mille volte "Io che ci faccio qui?".

LISA | Sabato, 24 luglio 2010 @09:28

Che bella, MARINA, la famiglia dei tre continenti: ma tutti e tre, come dici, "meridionali dentro". Roma (tu), Sri Lanka (tuo marito), Marocco (il bambino): buon viaggio alla nuova mamma e nuova blogger.

micheline | Sabato, 24 luglio 2010 @00:58

grande Marina....

Marina | Sabato, 24 luglio 2010 @00:14

Anche io avrei voglia di una baia sperduta invece ci aspetta il mare del nord...il piccolo non ha ancora i documenti definitivi quindi non possiamo varcare il confine, ma che fa? sara' per la prossima estate, alla fine la pace e' dentro di noi, baia sperduta o no, dicono...eppure avrei davvero bisogno di una baia sperduta, intanto mi cimento con un blog dedicato a questo nostro lungo viaggio che e' partito da Emma. Certo l' allieva non superera' mai la professoressa ma se vi va di dare un' occhiata http://trecontinenti.blogspot.com/

Buone vacanze!

Lila | Venerdì, 23 luglio 2010 @22:09

E scusate la ripetizione degli auguri.

Lila | Venerdì, 23 luglio 2010 @22:07

Grazie Lisa io partirò i primi di agosto ma la prossima so già che sarà una settimana di fuoco. Speriamo che poi possa trovare una baia sperduta o anche popolata ma con la gente che piace a me, eh eh. un bacio. Auguro buon viaggio a tutti quelli che partono ed auguro a tutte/i i lettori del blog che la forza sia con loro. Scusate la grammatica da poetessa.

LadyLindy | Venerdì, 23 luglio 2010 @19:12

è come essere là, e ce ne sarebbe bisogno... grazie Lisa!
http://vitainpillole.wordpress.com/

LISA | Venerdì, 23 luglio 2010 @18:23

Buone vacanze a te, CARLA, e a tutti quelli che partono. Con o senza baie sperdute.

carla | Venerdì, 23 luglio 2010 @14:51

sono in partenza per il mare... anche se so che non sarà una baia sperduta, spero di trovarla dentro di me...
buone vacanze a tutti e in particolare a Lisa

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.