Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Se d'Annunzio diventa un tavolino design (e altre cronache milanesi).

Lunedì, 29 novembre 2010 @08:06

"Per l’amor che rimane
e a la vita resiste
nulla è più dolce e triste
de le cose lontane"
(Gabriele d’Annunzio)

L’amore, che sbriciola stelle nelle pozzanghere. L’amore, che ci fa passare frontiere di notte, da clandestini. Che ci fa vedere l’alba, sempre, dentro l’imbrunire.

(I versi di d’Annunzio sono tratti da "Poema paradisiaco")

Chissà cosa penserebbe d’Annunzio, scrittore, esteta, dandy di inizio Novecento, se sapesse che è stato trasformato in un tavolino design. E' successo da Rossana Orlandi: lo "store", come si dice ahimé a Milano, specializzato in design (lo stesso che compare, ops, negli ultimi capitoli di "Glam Cheap"). Sono appena andata al vernissage della mostra-installazione di una giovane coppia inglese, che ha trasformato vecchi libri (tra cui quelli di d’Annunzio) in tavolini e portacandelabri, vecchie valigie in nuove cassettiere, e che negli ultimi giorni prima dell’apertura era così concentrata e ispirata da dormire direttamente lì, in negozio (su un letto che è esposto). Si chiamano Jamesplumb – il sito è http://www.jamesplumb.co.uk/site/index.html - e la mostra è aperta fino al 24 dicembre, in via Matteo Bandello 14-16.

Ogni volta che torno a Milano mi sembra di finire dentro le pagine di un mio romanzo. E Stella? Non era nella lunga fila fuori dal negozio per l’apertura di Gap, ma è venuta con me il giorno dopo, a curiosare la nuova "capsule collection" di Valentino e, come me, non ha comprato niente (del resto, la chiamano moda democratica, ma forse è solo moda per eurostressati: giacche e felpe disegnate dalla grande maison, ma in vendita nel negozio low cost). C’era Stella anche al press sale (traduzione: svendita per la stampa) di cachemire, dove le diavolesse non vestono Prada ma si strappano di mano le sciarpe scontate. E c’era anche Emma: perché è lì che avevo ambientato una delle scene del libro rosa. Tanta fatica per entrare (ora ci vuole l’invito persino per una svendita, un prezioso cartoncino che permette l'ingresso a una sola persona; neanche fosse una festa da ballo a corte!); ma, anche lì, non abbiamo comprato niente.

E poi, nella Milano glam cheap, mi sono commossa. No, non davanti a una vetrina o un vestito. Ma quando, a una visita medica, l’assistente del dottore mi ha fissato e mi ha detto: "Ma è lei Lisa Corva di City, vero? Io la leggo sempre. E quando non trovo il giornale, vado sul blog". Ci siamo messe a chiacchierare come vecchie amiche di fronte al medico allibito (l’avremo convertito anche lui? Speriamo). Dunque, se mi incontrate per strada, fermatemi, mi raccomando! Forse sono con Stella. Forse con Emma. Ma sono io. E, mi raccomando, datemi del tu.

13 commenti

LISA | Mercoledì, 1 dicembre 2010 @08:12

CLAUDIETTA: molto interessante! Un bell'esperimento di democrazia. E - funziona?

Claudietta | Martedì, 30 novembre 2010 @21:20

sono andata per fare una testi di laurea di sociologia, sulle empresas recuperadas. E' un fenomeno molto interessante se visto da vicino, sono lavoratori che a seguito della crisi del 2001 si sono ritrovati senza lavoro ed hanno reagito occupando l'impresa e cercando di farla tornare a produrre. Ho intervistato loro, ho visto i loro occhi, condiviso pasti nelle loro mense ed è stato semplicemente stupendo. Davvero.Se vuoi te ne posso parlare per ora, ma non voglio occupare tutto il tuo blog ;)

LISA | Martedì, 30 novembre 2010 @19:19

CLAUDIETTA, e che ci facevi in Argentina? Io ho visto da poco "El secreto de sus ojos": ovvero "Il segreto dei suoi occhi", il film argentino che vinse l'Oscar quest'anno. Bellissimo.

Claudietta | Martedì, 30 novembre 2010 @09:30

Lisa! scrivo pensieri e poesie...ho tenuto un blog per tutti i giorni che sono stata in Argentina, scrivendo un pensiero ogni giorno che passava.
Ora tornata a Torino al solito tram tram scrivo poesie/pensieri su questa vita che mi sta mettendo a dura prova...
Ho 25 anni ma la vita mi ha messo davanti già tante prove che sto cercando di superare crescendo e imparando. IL tuo pensiero ogni mattino è una carezza e una forza ad alzarmi dal letto e andare avanti! grazie

LISA | Martedì, 30 novembre 2010 @08:51

MARI e ADELE: chiacchierata "serotina" e, hmmm, spero anche un po' "serotonina"! L'ormone del buonumore...

LISA | Martedì, 30 novembre 2010 @08:46

Ma è "davvero" l'ASSISTENTE DEL DOTTORE! Huh.

assistente del dottore | Lunedì, 29 novembre 2010 @23:07

Sono io l'assistente del dottore.... Non sbagliavo: la cara Lisa e' davvero una persona speciale, se la incontrate fermatela, ne sarete davvero contenti.... Io lo sono stata davvero...troppi davvero... Ciao Lisa e spero "davvero" a presto!!! N. b. Ovviamente fuori dallo studio....

Adele | Lunedì, 29 novembre 2010 @22:16

Vedi Mari? Non solo blog rosa, oggetto di acuto rimpianto, ora anche rosso come la tua capigliatura, suppongo.. Forse Lisa sta sorridendo di noi e per noi nuove arrivate. Buona serata a tutte.

mari | Lunedì, 29 novembre 2010 @20:53

non chatto e non bloggo, ma del tuo blog cara lisa parlo sempre, seisiete le sole amiche virtuali della mia vita, perché questa chiacchierata per me serotina leggendo versi in compagnia ( io li leggo in solitaria, d'abitudine...), chiacchierando di abiti e d'amore, è la mia pausa del cuore.
Ciao a tutti dalla sedanona rossa

LISA | Lunedì, 29 novembre 2010 @19:08

CLAUDIETTA, e cosa scrivi? Poesie, racconti, impressioni? E quanti anni hai? Scrivimi, intanto, di te. GIUSY: quel medico però, pur allibito, è molto molto simpatico. Avercene!

Claudietta | Lunedì, 29 novembre 2010 @14:43

Lisa,
anche io se non trovo city corro a leggere il tuo Buongiorno sul blog... Vorrei condividere con te cosa scrivo anche io, ma chissà se ne hai il tempo..TI ammiro molto!

Giusy | Lunedì, 29 novembre 2010 @14:14

Sì, il Grande Istrione mi cattura sempre, con le dovute cautele...Mi ha divertito il racconto del medico allibito: categoria che apprezzo e disprezzo contemporaneamente. Con i curricula miei e del Consorte ne ho ben donde... Ciao Lisa!

Elena | Lunedì, 29 novembre 2010 @09:20

accidenti! sarei venuta a sentirti (e conoscerti di persona) molto volentieri! Avvertici per tempo, quando torni a Milano! Buona settimana, Lisa cara.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.