Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il tuo sms è uno scarabeo.

Venerdì, 21 gennaio 2011 @09:00

"La sua lettera di oggi è una di quelle che io porto con me, per un periodo di tempo, come un prezioso scarabeo, un amuleto. Poi ne viene un’altra ed è un nuovo scarabeo, dai simboli differenti e pure simili, sottilmente variati".
(Cristina Campo)
E il tuo sms, sai, è ancora dentro il mio cellulare; non voglio cancellarlo, prezioso scarabeo.

(Le frasi di oggi sono della poetessa Cristina Campo, e sono tratte dal suo epistolario "Vivere, certo, mio caro amico", Adelphi. Era il 1958, quando a un amico, per lettera, si dava del lei. Quando c’erano bracciali con scarabei portafortuna: io ne ho uno, con il fermaglio che non chiude più. Era di mia nonna…)

Nota web: vi siete accorte che sono diventata lisacorva.com? Fa parte di una serie di sorprese telematiche che sto preparando. Per favore mettete questo sito tra i preferiti, perché tra poco lisacorva.it non sarà più attivo.

13 commenti

LISA | Domenica, 23 gennaio 2011 @23:30

Per adesso siamo alle prove colore telematiche, di questo color tortora non sono molto convinta, preferisco il viola vero della mia parete!

Annalisa farmacista | Domenica, 23 gennaio 2011 @18:30

Bellissimo. Nuova veste, .com, quali altri sorprese telematiche?

LISA | Domenica, 23 gennaio 2011 @12:10

CARLA: per scegliere le foto c'è, in redazione, un piccolo valente plotone di photo editor. Anche a te è piaciuta la foto che hanno scovato, di Helena Bonham Carter neo-vittoriana e post-hippy, come la figlia Nell?
http://www.dailymail.co.uk/tvshowbiz/article-1196659/Helena-Bonham-Carter-little-daughter-Nell-bloom.html

patrizia rogers | Sabato, 22 gennaio 2011 @16:13

Cara Lisa, il tuo viso sorridente fa bene, tanto più oggi che è una giornata di bora impunita e impenitente, e raggiungere "il" molo è un'impresa. Sono colma di sms-scarabei-talismani ricevuti e inviati, che custodisco gelosamente e, ahimè, inutilmente. Anche se oggi riflettevo su queste parole che stavo leggendo:
"Al mondo non c'è quasi nulla che non si può buttare via, volendo. Anzi, forse si può dire che non c'è assolutamente nulla. E una volta presa la decisione, viene voglia di gettare via proprio tutto. Come i giocatori che avendo perso la maggior parte del denaro di cui disponevano, finiscono col mettere sul piatto anche quel poco che gli resta. Quasi provassero fastidio a far le cose a metà."
Murakami Haruki, I salici ciechi e la donna addormentata.
Un buon week-end a tutti.

Carla | Venerdì, 21 gennaio 2011 @18:17

Volevo solo chiederti se per gli articoli di moda per grazia scegli tu le immagini da proporre, o no? perchè quello sui bambini di questa settimana era delizioso.

Carla | Venerdì, 21 gennaio 2011 @18:04

Io amo le lettere : conservo ancora le lettere che da bambina scrivevo a mio papà ( spesso lontano da casa per lavoro).
Era un rito : la mamma prendeva carta e penna si spegnava la televisione e si scriveva al papà , prima noi bambini poi lei in chiusura.
P.s. ho deciso che copierò assolutamente l'idea delle cravatte come cinture per i jeans..

daniela dalla scozia | Venerdì, 21 gennaio 2011 @16:41

YES! sono la prima persona a lasciare un commento sul tuo blog in inglese!!beh me lo merito, sono una vecchia fan (5 anni di storie parallele, dai tempi delle aspiranti madri...)

daniela dalla scozia | Venerdì, 21 gennaio 2011 @16:39

Lisa!Finalmente vedo il tuo viso!Sai che non avevo mai visto una foto tua dove si vedeva la faccia?Solo i capelli! ps ma tu il tacco dodici lo contempli solo o lo metti?
http://lestorieonlinedilunablu.blogspot.com

Giusy | Venerdì, 21 gennaio 2011 @14:47

Da ignorante telematica e non solo, dovrò chiedere aiuto al figlio informatico. Bella la nuova presentazione con Lisa sorridente, vera e spontanea che spicca sullo sfondo tutto viola con tanto di pendola di cartapesta che tempo fa avevo scambiato per un sapiente collage... Beh, però, forse, quasi..preferivo l'effetto Fata Morgana color violetto precedente, tutto da interpretare. Scusa Lisa, ormai sono restìa ai cambiamenti. Ciao!

ive | Venerdì, 21 gennaio 2011 @14:44

I miei preziosi scarabei in formato sms sono di mia figlia, quando a 20 anni mi inviò alle 6 del mattino, mentre era in camera sua, un "Ti voglio bene." dopo un periodo tra di noi burrascoso (28.1.2004), e quando a 22 anni è andata a convivere con colui che ora è suo marito, a mezzanotte mi scrisse: "Vi voglio bene. Buonanotte, come se fossi li.....
PS: se faccio un brutto sogno posso venire nel lettone?" 6.12.2006
Di tanto in tanto li rileggo e mi dico: com'è cambiata la mia piccola ribelle. Ora sta imparando cosa vuol dire essere mamma.

daniela dalla scozia | Venerdì, 21 gennaio 2011 @11:02

...la mia inbox strabocca di scarabei...un folder di ricordi prosaicamente chiamato "archivio".
lunablu, http://lestorieonlinedilunablu.blogspot.com

Sabrina | Venerdì, 21 gennaio 2011 @10:54

Nina hai sempre delle storie interessanti! "Libridine" è anche la Fiera del Libro Antico che si è tenuta a Genova un po' di tempo fa. Bacioni

Nina | Venerdì, 21 gennaio 2011 @10:06

ho gli sms di ormai quasi un anno, due sue foto nascoste in una sottocartella anonimissima nel desktop del pc dell'ufficio... servono a ricordarmi che lui esiste quando inscena i black out esistenziali poetici... :-)...'svapora' peggio dello stregatto di Alice. Buongiorno Lisa.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.