Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Cronache da Berlino: all shades of grey.

Domenica, 20 febbraio 2011 @19:06

A Berlino c’erano: tutte le gradazioni del grigio. C'è un nuovo museo che in realtà è vecchio: si chiama Neues Museum, ed è stato inaugurato, dopo anni di abbandono e ristrutturazione, dov'era il museo distrutto alla fine della guerra: l'architetto, l'inglese Chipperfield, ha lasciato le pareti a vivo, le tracce degli affreschi, segni del tempo e della disfatta del Terzo Reich; ma oltre alla meravigliosa, enigmatica Nefertiti (il museo ospita le collezioni di arte antica), mi sono piaciuti i bagni, un tripudio di legno e design; mai visto dei bagni così belli in un museo, sembravano quelli di un boutique hotel. E poi? Poi a Berlino c’era un baretto fantastico sotto casa del mio amico storico, un baretto ricavato in una vecchia latteria, con giornali e Apfelstrudel e cappuccino quasi vero, e un tè speziato che si chiama "Winter in Berlin", inverno a Berlino: il tutto a Mitte, o Prenzlauer Berg, un tempo ex Ddr, ora il quartiere più caldo e trendy, di locali e negozietti. Scusate, ho detto caldo? Ho sbagliato. L’inverno a Berlino è freddo; il cielo non è mai azzurro, è in tutti i colori del grigio, è grigio perla e antracite e grafite e neve sporca; le ragazze vanno in giro in bici anche sotto la neve; e a cena nell’Einstein Café, una vecchia villa con giardino, ci sono candele bianche su ogni tavolo, tanto per darti l'illusione di scaldarti un po'.

8 commenti

raffaellacheama... | Mercoledì, 23 febbraio 2011 @20:20

mi piacciono per la loro sospensione, galleggi anche sulla terraferma in città così...infatti a volte a Milano il mio asma cronico peggiora anche per questo senso quasi claustrofobico che mi trasmette.,.
cerco di andare a piedi più che posso,e di tornare a respirare appena posso.. e non che a casa sia meglio, abito in una cittadina piemontese abbastanza triste (Alessandria)..
Trieste mi manca da vedere!

LISA | Mercoledì, 23 febbraio 2011 @10:00

RAFFAELLA CHE AMA LE CITTA' SULL'ACQUA: come ti capisco. L'acqua era quello che più mi mancava, quando vivevo a Milano. Forse perché sono nata in una città d'acqua, e vento: Trieste; e forse è per quello che ritorno sempre in altre città di fiumi, e canali, e mare: Amsterdam, Amburgo, e Sydney, sabbia tra i grattacieli.

Raffaella che ama Berlino | Mercoledì, 23 febbraio 2011 @09:52

grazie, è stato anche un modo bellissimo di rafforzare la nostra amicizia...splendido davvero!
ora viviamo sempre tutte a Milano, ma solo una è rimasta in collegio; noi altre tre siamo divise perchè andiamo in nuniversità troppo lontane tra loro, cercare casa insieme sarebbe stato impossibile..
io frequento Lettere Moderne alla Cattolica, vivo vicino ai Navigli.
anche questo è un piccolo miracolo, amo moltissimo le città sui corsi d'acqua..
a settembre sono stata a Venezia, non ti dico che emozione!
comunque, spero che la primavera porti anche la possibilità di vedere più spesso le amiche, e in generale di prendersi la libertà di girare e assaporare...
quest'inverno è stato troppo "tappante" :)

LISA | Mercoledì, 23 febbraio 2011 @09:24

'POVNA: bella la citazione. E' vero, ci sono città a cui sentiamo di appartenere, anche se non ci siamo nati. RAFFAELLA CHE AMA BERLINO: mi piace l'idea di quattro ragazze alla scoperta della città... Tra Brezel e birra e i mille locali e le gallerie d'arte di Mitte. Ma dove vivi adesso? Sempre Milano?

\'povna | Martedì, 22 febbraio 2011 @14:14

"I believe you will always come back to Berlin, Christopher. You seem to belong here."
"Perhaps I do, in a way."
"It is strange how people seem to belong to places – especially to places where they were not born…"
(Ch. Isherwood, "Godbye to Berlin")
http://nemoinslumberland.splinder.com/

Raffaella | Martedì, 22 febbraio 2011 @11:37

perchè è Romantica, vedi amore nelle strade. è un amore giovane e pieno di arte, ma è sincero e visibile a tutti....
e poi trovo meravilgiosa la sua rinascita, la capacità di reinventarsi nei mille quartieri..
questa estate ci sono stata per la seconda volta, eravamo 4 ragazze (conosciutesi in un collegio salesiano a Milano, pensa!)e sono stati 4 giorni alla scoperta, una avventura cittadina di grandissimo respiro...
senza contare che amo il tedesco incondizionatamente

LISA | Lunedì, 21 febbraio 2011 @23:16

RAFFAELLA, racconta: come mai Berlino?

raffaella | Lunedì, 21 febbraio 2011 @10:57

ciao Lisa, sono una 20enne amante del tuo blog e dei tuoi buongiorno.
grazie per aver reso così bella la mia città preferita.
chi l'ha detto che il grigio è noioso?

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.