Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Il volto di mia madre.

Giovedì, 24 settembre 2009 @08:02

"Accosto il viso:
eccolo,
il viso di mia madre
nella sua ultima ora".

(Ogiwara Seisensui)

Eccolo. Il volto che da allora vedo solo in sogno. O nelle fotografie consumate dai rimpianti e dal ricordo. Eppure. Eppure oggi mi guardo allo specchio e mi sembra di vedere, dentro di me, un pezzetto di lei.

(Poesia concentrata: l’haiku è un brevissimo componimento giapponese, di solito da tre soli versi. Quello che ho scelto per la mia rubrica di City di oggi, del poeta Seisensui, nato alla fine dell’800, è tratto da Il grande libro degli haiku, Castelvecchi)

8 commenti

LISA | Lunedì, 28 settembre 2009 @08:46

Per MIRIAMROSAGIALLA: prova i prodotti ai petali di rosa di una marca tedesca bio: Dr. Hauschka. Olio essenziale per il bagno e un olio per il corpo: http://www.drhauschka.it/prodotti/cosmesi-corpo/idratazione/oli-trattanti/petali-di-rosa/ Poi potrei parlarti per ore dei nuovi profumi alla rosa che sto provando...

ale§o | Sabato, 26 settembre 2009 @06:16

E' accaduto mille anni fa. Eppure questo haiku mi ha riportato precisamente al giorno dell morte di mia madre: terribile potere ha la poesia sui cuori ancora umani.

aferdita | Venerdì, 25 settembre 2009 @20:05

Oggi la piccola Giulia ha visto per l'ultima volta il volto di sua madre che si e spenta dopo una brutta malattia.Tre giorni fa e toccato a Matteo,la sua mamma lo portato a scuola e non e più ritornata a riprendere perche e stata stroncata da un infarto.Hanno tutti due solo 5 anni,e i loro sguardo sperduto di riempie il cuore di tristezza.E io mi chiedo:riusciranno loro dopo tanti anni ricordare il volto dolce di propria madre?Lunedì forse torneranno a scuola e io non lo so se troverò la forza di guardarli nei occhi quando i altri bambini andranno a casa accompagnati dalle mamme.E penso quanto sono fortunata di vedere ancora il volto di mia madre.

MiriamRosaGiallacheadoralaRosaThea | Venerdì, 25 settembre 2009 @12:21

Cara Lisa,
lo so che usi solo profumi alla rosa, come ti capisco: io, tanto tempo fa, quando ancora sisteva il Body Shop anche nella mia città, avevo comprato un olio alla rosa Thea meraviglioso...poi, è sparito, non andava più di moda, temo...mi puoi dare qualche consiglio su evetuali altre alternative? grazie.

LISA | Venerdì, 25 settembre 2009 @11:29

Per WOLAND: che bello, ci mandi cronaca dell'incontro in libreria? Anche se, e qui lo dico sottovoce, la traduzione di Edith non mi convince molto... Per ARIA: sono contenta che tu sia tornata fra noi, e come vorrei essere lì a Torino, il prossimo weekend, ad ammirare le tue gonne-gioiello! Ma spero in una cronaca di MIRIAMROSAGIALLA. E a proposito, grazie dei petali: per l'Autrice che ama le rose, e che usa solo profumi alla rosa, è il regalo più bello.

MiriamRosaGialla | Venerdì, 25 settembre 2009 @10:23

Ciao Aria, che piacere ritrovarti: come ben sai, certo che mi ricordo di te, sono una "vecchia pink". Il nuovo sito di Lisa è piaciuto molto anche a me, ormai sono abituata ad iniziare la giornata con i versi che Lisa sceglie per noi.
Aria, l'iniziativa torinese che mi segnali è molto interessante, forse verrò a Torino proprio quel w-end e spero quindi di venire a salutarti, a dare un'occhiata alle collezioni ed al palazzo.
Approposito: anch'io, come il sito di Lisa, sono "nuova", cioè rinata: no, non è arrivata nessuna cicogna, semplicemente, siamo rinati io&ilGentiluomoPiemontese, potere dell'Amore, quello con la "A" maiuscola, scusate la banalità, ma io ci credo ancora.
Tanti petali gialli a tutte/i, come dicevo un tempo.

Aria | Giovedì, 24 settembre 2009 @18:28

Colgo al volo l'invito di Lisa e mi ripresento dopo un bel pò di tempo (le antiche pink forse si ricordano di me?). Tira aria nuova da queste parti, vedo...tutto cambiato, che bello! Io pure ho fatto un pò di cambiamenti strada facendo, ma oggi sono qui per invitare tutte le navigatrici del blog torinesi ad un evento in cui sarò presente anch'io (sono una fashion designer/artigiana). Si chiama "BYHAND, abiti e accessori a tiratura limitata" e si inaugurerà venerdì 2 Ottobre alle ore 19 presso il Palazzo Bertalazone di San Fermo, Via S. Francesco di Assisi 14. Proseguirà poi anche il 3 e 4 Ottobre dalle 10 alle 20. Saranno presenti una ventina di designer con le loro creazioni esclusive e, come dice il titolo, a tiratura limitata. Io presenterò la mia collezione di gioielli e gonne/gioiello intitolata "Il giardino perduto". Vale la pena anche solo venire per visitare il palazzo seicentesco, che è un piccolo gioiello nel cuore della citta di Torino. Spero di avervi incuriosito. Saluto tutti i vecchi e nuovi naviganti e spero di riuscire a farvi visita un pò più spesso. Un saluto speciale all'autrice.

woland | Giovedì, 24 settembre 2009 @13:01

Ciao Lisa,
approfitto del tuo ultimo post - molto emozionante tra l'altro - per dirti che ieri ho ricevuto l'invito per andare, oggi pomeriggio alle 18, ad assistere alla presentazione del libro "Notturno ed altre poesie" di Edith Södergran.
L'invito mi è arrivato per aver acquistato il libro presso la casa editrice.
L'appuntamento è presso la libreria Bibli di Roma (Trastevere) alle 18.
Interverrà Bruno Argenziano, curatore e traduttore del libro, e gli ambasciatori di Svezia e Finlandia in Italia.
Non so se l'invito è condizione necessaria per entrare, ma quando nel 2003 presentai un libro insieme con la mia amica Barbara Alberti, fecero entrare anche qualcuno che passò lì per caso.
Se qualcuno vuole passare...

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.