Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

C’è un non so che nel mese di settembre...

Lunedì, 28 settembre 2009 @08:52

Milano Glam Cheap. Tra una it-bag e un paio di scarpe tortura mi sembra di aver visto Stella, o mi sono sbagliata? Intanto guardo le prime foglie d’autunno per terra, le prime castagne cadute nel parco, e penso al mio altrove straniero con la frase che ho scelto per City di oggi, lunedì 28 settembre:

"Settembre. C’è un non so che in questo mese che mi ricorda marzo e i primi giorni d’aprile, quando la primavera ancora esita sulla soglia e il giardino trattiene il respiro in attesa. C’è nell’aria la stessa dolcezza, il cielo e l’erba paiono uguali ad allora; ma le foglie raccontano una storia diversa, e il rampicante che si colora di rosso sul muro della casa si avvicina in fretta al suo ultimo e più splendido momento di gloria".

(Elizabeth von Arnim)

Autunno.

(Elizabeth von Arnim, come probabilmente già sapete, è una delle mie scrittrici preferite. La frase di oggi è tratta da Il giardino di Elizabeth, Bollati Boringhieri: la storia – ironica, appassionata – del suo giardino in Pomerania. Erano gli anni Venti, in Germania, e lei veniva da lontano, dalla Nuova Zelanda…)

3 commenti

LISA | Martedì, 29 settembre 2009 @08:24

Per LILA: sì, avevo letto, tanti anni fa, la scrittrice catalana Mercè Rodoreda, ma ricordo solo, dei suoi romanzi, una indefinibile sensazione di malinconia...

Naomi | Lunedì, 28 settembre 2009 @13:40

E' meravigliosa...."ma le foglie raccontano una storia diversa"....proprio come me ora!Grazie Lisa.....

Lila | Lunedì, 28 settembre 2009 @09:21

Cara Lisa no, non ricordavo che Elizabeth von Arnim fosse la tua scrittrice preferita. Ma questa poesia è davvero bella anche se ha un non so che di nostalgico. Diciamo che io preferisco il preavviso della primavera ma è vero: è bello guardare il cielo e respirare a settembre. Per Aria, anche io mi ricordo di te. In bocca al lupo per l'evento. Per Miriam Rosa Gialla: viva l'amore con la A maiuscola. Sabato scorso sono stata all'incontro del gruppo di lettura romano. Il gruppo ha un suo nome già da un pò, si chiama Amarganta, come la biblioteca del libro la Storia Infinita. Abbiamo commentato il libro di Mercè Rodoreda, La Piazza del Diamante. Tu l'hai letto Lisa? Bello anche se un pò triste e molto descrittivo, molto poetico in alcuni momenti.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.