Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Tu, la tua casa.

Mercoledì, 4 maggio 2011 @08:54

"Cosa volevo sapere? L’aspetto del posto dove rientrava la sera. Cosa teneva appeso alle pareti, se aveva un fornello da accendere con i fiammiferi; se il pavimento era di piastrelle o di linoleum, e se portava le scarpe quando ci camminava sopra, e quale espressione assumeva guardandosi allo specchio mentre si sbarbava. Su cosa si affacciava la finestra, e com’era il letto: sì, stavo già immaginando il suo letto, con le coperte spiegazzate…"

(Nicole Krauss)

Sapere come sei.

La frase di oggi è tratta dall'ultimo romanzo di Nicole Krauss, "La grande casa" (Guanda). Trovate la mia intervista all'autrice nel post del 22 aprile.

13 commenti

Paripurna | Martedì, 9 agosto 2011 @15:21

Ciao Lisa, ho appena finito La grande casa e non riesco riporlo in libreria... mi sta lavorando dentro come una grotta carsica. Sono da ore sul web alla ricerca di risposte alle domande che la Kruass (di cui mi sono innamorata leggendo La storia dell'amore) lascia aperte.
Leah Weisz non è la figlia di Daniel, vero? pErchè dice di esserlo a Nadia? Perchè Weisz si siucida? Chi gli ha commissionato la ricerca della scrivania? In quanto a Nadia si,, investe Dov.. non ci sono dubbi e con Vostro Onore si rivolge al padre di Dov...
Infine complimenti per questo tuo spazio virtuale.. ti conosco perchè ti leggo su Grazia.

Ali stropicciata | Giovedì, 5 maggio 2011 @12:29

Carina davvero!

LISA | Giovedì, 5 maggio 2011 @10:45

ALI STROPICCIATA: sai che dopo l'intervista, quando ho finito il libro (mi mancavano poche pagine), non riuscivo a capacitarmi della scrivania? Così ho scritto a Nicole Krauss. Ed ecco la sua risposta, molto carina ma sempre più misteriosa: "Hi Lisa, the reader can never find out, because Arthur doesn't allow himself to find out. He has the piece of paper from Weisz with the name and address of the person who gave it to her, and he burns it in the fire. So we can't know. I have my own theories, of course.. Warmly, Nicole".

Ali stropicciata | Giovedì, 5 maggio 2011 @10:21

Sì, me lo sono chiesta tutta la notte!!!
Weisz padre?? Perchè il marito ha bruciato l'appunto? Cosa c'era scritto???
Chissà se a questo punto il libro avrà un seguito che ci chiarirà tutto!

LISA | Giovedì, 5 maggio 2011 @09:22

ALI STROPICCIATA: eh sì, la Krauss è volutamente misteriosa... Comunque: la scrittrice Nadia, a Gerusalemme, ha investito Dov, il figlio della voce narrante del vecchio israeliano. Del figlio di Lotte non sappiamo nulla, anche perché la Krauss evidentemente non lo considera importante per la narrazione. (Ma non ti sei chiesta da chi Lotte ha ricevuto la scrivania?).

Ali stropicciata | Giovedì, 5 maggio 2011 @09:16

Sono io l'anonima!!!!

Anonimo | Giovedì, 5 maggio 2011 @09:16

Ciao Lisa, ho finito il libro della Krauss ma non ho capito una cosa!
Nadia,la scrittrice, chi ha investito a Gerusalemme Dov???? E Il figlio di Lotte in che incidente terribile è morto??
Misteri da leggere!

paola | Mercoledì, 4 maggio 2011 @23:43

voglio sapere dove vivi, dove si posano i tuoi occhi chiari quando apri l'uscio di casa, dove poggi le chiavi, dove lasci le scarpe, dov'è il primo specchio in cui ti guardi la mattina, voglio sapere se c'è un momento in cui pensi che vuoi sapere dove vivo...

domo | Mercoledì, 4 maggio 2011 @19:41

voglio sapere come stai senza di me.... che strana domanda...come se fosse certo che non stai bene - che non puoi stare bene - senza di me....

stefania | Mercoledì, 4 maggio 2011 @17:34

non voglio sapere dove vivi e come sei, lo so
voglio sapere come stai senza di me, quali sono i tuoi gesti oggi, se il mio pensiero ti sfiora e ti blocca la vita

Ali stropicciata | Mercoledì, 4 maggio 2011 @11:01

Non vedo l'ora di terminarlo! Ma allo stesso tempo vorrei che non finisse!
Direi che mi incuriosisce molto...

LISA | Mercoledì, 4 maggio 2011 @09:23

Mi piacciono le coincidenze poetiche, ALI STROPICCIATA. E il libro della Krauss ti piace?

Ali stropicciata | Mercoledì, 4 maggio 2011 @09:21

Ciao Lisa, sto leggendo proprio "La grande casa" e stamattina sul treno leggevo proprio la pagina con il tuo buongiorno.
Coincidenze poetiche!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.