Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Tentativi per sconfiggere la nostalgia.

Martedì, 7 giugno 2011 @09:10

"Tu sai già quello che voglio scriverti, queste parole sono in realtà indirizzate a me stesso, solamente tentativi per sconfiggere la nostalgia."

(Jan-Philipp Sendker)

Tu sai già quello che voglio scriverti, forse. Ma mi manchi così tanto; scriverti è un modo per sfiorarti, prenderti per mano, parlare con te.

La frase di oggi è tratta da "L’arte di ascoltare i battiti del cuore", Tea. Uno di quei libri così sentimentali, troppo, come una caramella troppo dolce. Come a volte i miei commenti, confesso! Ma questa frase mi è piaciuta.

2 commenti

LISA | Martedì, 7 giugno 2011 @09:45

ANTONELLA: "La fattoria dei gelsomini" infatti è l'ultimo uscito. E' di Bollati Boringhieri, che sta pubblicando pian piano tutto della von Arnim, davvero adorata: una delle poche scrittrici con cui vorrei prendere un tè e chiacchierare di abiti e della vita. Magari nella casa tra i gelsomini, in Provenza, dov'è ambientato il libro. Mi piace il suo sguardo romantico e ironico insieme, mi piace il suo anticonformismo (ha scritto all'inizio del Novecento, quando le donne non potevano neppure votare) e la sua leggerezza. Ma se non hai mai letto niente, forse meglio cominciare con "Il padre", uno dei suoi libri migliori. E poi raccontami com'è andato il vostro tè...

Antonella | Martedì, 7 giugno 2011 @09:35

Stamattina ho letto su una rivista che parla solo di libri "Il libraio", un piccolo racconto tratto da "La fattoria del gelsomini": ho pensato a te cara Lisa, alla tua adorata Elisabeth von Arnim (come l'hai spesso definita tu). Mi è venuta una gran voglia di leggere il libro.
Buona giornata
Antonella

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.