Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La poesia e' una pietra di fiume.

Venerdì, 8 maggio 2009 @12:25

"La poesia è mancanza.
E’ il respiro concavo
dove depongo
una susina,
una piuma
una pietra di fiume".
(Daniela Raimondi)

Ma la poesia è anche pienezza, è lo sguardo che si ferma su ogni piccola cosa: una susina, appunto, una piuma, una pietra di fiume. O un ramo di ciliegio in fiore. Un tramonto inaspettato tra gli autobus e i grattacieli. E tutto ci parla, ci dice: vivi, ora. Sii felice, ora.

(I versi di oggi, venerdi’ 8 maggio, sono tratti da "Il segreto delle fragole", Poetico Diario 2009 della casa editrice LietoColle. Per saperne di piu': http://www.lietocolle.info/ )

3 commenti

donatina | Mercoledì, 11 aprile 2012 @21:18

ma la poesie è anche tratta necessaria per trattenere una riflessione, una lode, un respiro ed è con lei che ho imparato a respirare

LISA | Lunedì, 2 maggio 2011 @22:20

Bello l'inizio...

poesia del 16.3.2011 | Giovedì, 17 marzo 2011 @23:50

In questa uggiosa giornata ed immersa nei miei pensieri ho scritto quanto segue. Mi piacerebbe un tuo commento,grazie, L'aura

Violino triste

Passa la vita,
sotto i suoi occhi
fotogrammi in pellicola,
sabbia fra le dita.
Amori trovati, persi,
andati.
Nelle vene,
tumultuosa acqua
corre via.
Sottili fili sospesi
i suoi piedi cercano,
oscilla, si porge,
canta, chiama, chiede,
nessuno risponde,
solo
in lontananza eco,
note stonate...
di un violino triste.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.