Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Temporale. E farfalle.

Lunedì, 10 ottobre 2011 @09:14

"D’un tratto si fece buio come per il temporale.
Io ero in una stanza che conteneva tutti gli istanti -
un museo di farfalle"
(Tomas Tranströmer)
La mia vita. Un battito d’ali. Leggera e palpitante. Luce di temporale.

(Non credo che Tomas Tranströmer, il premio Nobel per la letteratura di quest’anno, ottantenne svedese serissimo ed ermetico, ed assolutamente sconosciuto - almeno in Italia - apprezzerebbe il mio zuccheroso commento. O forse sì. Se, come me, pensa alle farfalle di Keats. E a come le ha trasformate la regista Jane Campion in "Bright Star": una stanza piena di desiderio, di sogni d’amore e di farfalle).

Intanto grazie a un altro poeta, Massimo Gezzi (lo conoscete, vero? Ricordate i Buongiorno che gli ho rubato?), e al suo link prezioso per conoscere Tranströmer. E grazie anche a Franco Buffoni, che ha tradotto le poesie che ho letto e sforbiciato:
http://www.leparoleelecose.it/?p=1236

8 commenti

Auth | Sabato, 30 giugno 2012 @03:51

Per Lady...Come ha gie0 scritto Alec, i Casino Royale con Macromarco ptraoi vederli lunedec su rai 2 dalle ore 14 a Cargo-Scalo 76.Condivido la tua opinione su quell'orrido programma che vai in onda al sabato condotto Facchinetti e dal pessimo Diaco che si chiama Scalo 76. Tuttavia, come avrai notato, non si tratta dello stesso format di quello, con lo stesso titolo, che andava in onda lo scorso anno.Anche Scalo 76 precedente non era il massimo ma, quanto meno, passava sulla rete nazionale un pf2 di musica dal vivo e qualche volta anche con ospiti interessanti.Cargo- Scalo 76 e8 invece una striscia quotidiana che va in onda alle 14 condotta da Federico Russo (radio deejay) e Paola Maugeri e riprende, in formato breve, Scalo 76 dello scorso anno. Non e8 il massimo...ma di certo non e8 neanche quella cosa orrida che va in onda al sabato (per tre ore!) e con la quale si e8 voluto sfruttare il successo di programmi come x factor (sigh....la Maionchi e Facchinetti !!!!!)e rendere pubblici, a danno della musica, i pruriti moralisti e conservatori di alcuni commentatori molto vicini all'attuale governo.....

CristinaCristina | Martedì, 11 ottobre 2011 @13:52

Che coincidenza, lo stesso post del mio blog di ieri, ispirato dal film visto domenica... anche io ho adorato la scena delle farfalle nella stanza: ho pianto da quantpo mi è piaciuta!!!

stefania | Martedì, 11 ottobre 2011 @08:00

questo buon giorno
descrive in maniera poetica un qualcosa di mio molto doloroso, così sembra quasi bello

erica | Lunedì, 10 ottobre 2011 @20:41

e dalle farfalle inizierò a conoscere Tranströmer, grazie per il buongiorno e grazie per il link :)

Susy_Anne | Lunedì, 10 ottobre 2011 @14:48

Come non associare il nostro amato Keats a questi bellissimi versi... ;) :*

Aminta | Lunedì, 10 ottobre 2011 @11:56

anch'io ero curiosa e il commento non mi sembra tanto zuccheroso, un po' di dolce non guasta.
Lisa gentile e Corva schietta. mi piace l'abbinamento.

tizzi59 | Lunedì, 10 ottobre 2011 @11:55

Adoro la luce che precede un temporale, così carica di promesse e di mistero e colleziono questi attimi di attesa, questi battiti d'ali, trattenendo il respiro prima che il buio vada via e si vedano i colori.

Cristina | Lunedì, 10 ottobre 2011 @10:07

Istanti come farfalle...
L'alone che circonda ogni respiro.
Un battito di ciglia.
Metto in tasca questo buongiorno e mi addentro nel palpito delle ore lambite da mutevole luce.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.