Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Se mi piaci solo tu.

Giovedì, 20 ottobre 2011 @07:49

"Ci sarà da preoccuparsi, se ci piacciono così tante cose di una persona sola?"
(Banana Yoshimoto)
Ci sarà da preoccuparsi, se mi piaci solo tu?


(Anche il Buongiorno di oggi è tratto da "High & Dry. Primo amore", di Banana Yoshimoto, Feltrinelli. Il primo amore di una ragazza di 14 anni. E un indimenticabile autunno).

36 commenti

una a caso | Sabato, 22 ottobre 2011 @18:35

ora è tutto o.k. ciao a tutti

LISA | Sabato, 22 ottobre 2011 @18:10

IRENE ECCETERA: io comunque intendevo "a letto" solo nel senso di dormire tra le stesse lenzuola. Senza sesso. .E già quello mi sembra triste. Quanto a fare sesso con uno che non ti piace più, non voglio neppure pensarci: quella è vera violenza. Scusate, un po' mi viene da ridere. Dev'essere la prima volta che scrivo la parola "sesso" qui sul blog!

Irene | Sabato, 22 ottobre 2011 @13:50

Per Una a caso , sabato, ecc:
Mi sa che mi sono spiegata male e allora cerco di chiarire
A me non è capitato niente di particolare. Sono sposata felicemente da tempo, ho tre meravigliosi figli e un marito stupendo. Ho preso spunto da un commento di Nina che scriveva che era tebibile trovarsi a letto con uno "sconosciuto" e Lisa che commentava che oltre che terribile,sarebbe stato tristissimo.
Io sono dell'idea che "a letto" ci si vada solo con la persona che si ama. Se non amo più mio marito o il mio compagno, a letto non ci vado. Può darsi che con mio marito o compagno ci sia ancora stima, rispetto e quant'altro, che in qualche modo ci senta ancora legati per qualcosa o qualcuno, ma se manca l'AMORE, almeno per quanto mi riguarda, io a letto assolutamente non ci vado. Proprio perchè, in nome dell'AMORE, sarebbe comunque uno sconosciuto. Starei malissimo io e, nel caso lo scoprisse anche lui che lo farei senza AMORE, di sicuro rimarebbe anche lui malissimo.
Penso di aver chiarito il concetto adesso.
Buon weekend a tutti
Un bacio

una a caso | Sabato, 22 ottobre 2011 @13:34

per irene :pensaci bene , qualcosa che ti piace ancora di lui ci deve essere , altrimenti scappa e non girarti indietro "lasciare "è un brutto verbo ,ma non ci sono alternative quando l'aria diventa irrespirabile,i silenzi troppo prolungati ,ma soprattutto quando occorre amare ed essere amati con tale abbondanza e naturalezza da da passare intere giornate anche a farsi solo compagnia ciao .

... | Sabato, 22 ottobre 2011 @13:27

... ma perchè sei arrabbiata? Ti esprimi con dolore e rabbia. Cosa è successo al tuo cuore, alla tua anima???Non ho nessun diritto di chiedertelo, ma ho come l'impressione che tu sia stata ferita e delusa profondamente. Inoltre credo che un un uomo con cui hai condiviso tanto non potrà mai diventare uno sconosciuto,a meno che abbia nascosto volutamente le parti più vere di sè, in quel caso non l'abbiamo mai conosciuto veramente. E qui è un'altra storia ancora.

Irene | Sabato, 22 ottobre 2011 @09:17

Per una a caso:

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @08:42
NINA: a letto con uno sconosciuto. Uno sconosciuto che non vorremmo nel letto. Quando succede, è terribile.
E' uno sconosciuto, non una persona cambiata con gli anni.....

una a caso | Sabato, 22 ottobre 2011 @08:44

non sarà mai uno sconosciuto ,ma una persona cambiata con gli anni ,come ai suoi occhi sarai cambiata tu ,

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @20:45

Per ...delle 16.53
Non si tratta di bianco o nero.Donarsi completamente ad una persona è l'atto più bello, più vero, più dolce, più spontaneo che si possa compiere.Parlo di AMORE, di CUORE. E il CUORE lo sa che quello ORMAI è uno sconosciuto,anche se magari in passato lo si è amato. E di sicuro in questo, il CUORE, è inflessibile. Proprio perchè il CUORE AMA. Non parlo di casi estremi, di compagni violenti o altro. Parlo di AMORE.Non far male a persone che abbiamo tanto amato, per me di sicuro non significa mentire e far finta di donarsi.Sarebbe un'offesa prima per se stesse e poi per l'altro. In questo caso, ripeto, non c'è figlio, casa, soldi, rimpianto, paura , esitazione, smarrimento o quant'altro che tenga.Sarebbe tristissimo e terribile allo stesso tempo. Nel MIO letto allora ci sto da sola, sola con me stessa. Di certo non con uno "sconosciuto" come quando non lo era e quello era il NOSTRO letto....

Francesca | Venerdì, 21 ottobre 2011 @17:37

Lisa: la città in cui faccio colazione con il mio amore è Torino, ero senza macchina e mi ha dato un passaggio con la sua. Conviviamo da un paio d'anni in provincia di Torino e lavoriamo entrambi in città. Ci amiamo dal 2003... Le persone romantiche e curiose mi stanno molto simpatiche!!! Un abbraccio

... | Venerdì, 21 ottobre 2011 @16:53

Irene:
ma per te è sempre così tutto bianco o nero? Le sfumature non esistono???Sei inflessibile nei tuoi giudizi. Il cuore non lo è. Non si tratta di coraggio, talvolta si preferisce non far male alle persone che tanto hai amato e che ami ancora, anche se in una maniera diversa, anche se si è cambiati, se si è diversi. Naturalmente non si parla di casi estremi, compagni violenti o situazioni insostenibili, allora quella è un'altra storia.

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @15:36

Lisa:
Lo spero

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @15:34

IRENE, ti ho già risposto... Purtroppo non tutti hanno il coraggio di Cenerentola. Magari, poi, arriva.

annetta | Venerdì, 21 ottobre 2011 @15:24

grazie per raccogliere la sfida...ma dopo aver visto il film (se pensi di andarlo a vedere, ovviamente!) buon wend!

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @15:23

Che mi tocchi o meno da vicino è ininfluente.
A me piacerebbe conoscere la tua opinione in merito a quanto ho scritto prima.
Opinione, la tua, che se fosse effettivamente quella espressa precedentemente , mi lascerebbe alquanto perplessa e fors'anche un pò delusa

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @14:13

IRENE: sbaglio, o tutto questo ti tocca da vicino?

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @12:29

Lisa:
Ecco appunto, il coraggio
E' solo una questione di coraggio. In tal caso, non ci sono soldi, figli, paure, esitazioni, smarrimento, case e quant'altro che tengano.
Personalmente non condividerei mai il mio letto con uno sconosciuto, pur avendolo magari amato in passato.
Per una questione di dignità.
Non sarebbe di buon esempio, soprattutto in presenza di figli, che alla fine comunque capirebbero.
Sarebbe una falsa morale...soggettiva, personale ed utilitaristica

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @12:18

IRENE: no. Ci trattengono i figli (se ci sono), i soldi, la casa, quello che è stato e quello che forse ci potrebbe ancora essere, il rimpianto, la paura, l'esitazione, lo smarrimento. Non ci sono risposte o strade univoche, nella vita. Soprattutto in amore. E poi ci vuole quello, sempre quello: il coraggio di Cenerentola, il coraggio e la voglia di seguire i propri sogni e uscire di casa.

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @12:09

Non mi riferivo a te nel caso specifico, ma in generale.
Non penso che ci voglia tanto per capire che un amore è finito se si considera "sconosciuto" la persona in quel letto. In quel momento si ha la certezza che è finito. E quando si ha quella certezza, cosa potrebbe "bloccarci", cosa ci trattiene a non cambiare?
Il cuscino non potrà mai darci risposte. Le risposte, o meglio, la risposta, è in noi, nel nostro intimo, nella nostra coscienza. Ed è una risposta chiarissima, che non da adito a dubbi, pur nella sua estrema durezza

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @11:52

IRENE: non mi è mai successo: posso solo immaginare che ci voglia molto, molto tempo per capire che un amore è finito, per capire di voler cambiare letto, casa, s/conosciuto, vita. E a volte non si riesce a cambiare, a volte si rimane bloccati, in quel letto, occhi aperti nella notte, cercando risposte nel cuscino.

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @11:38

LISA: e il fatto che un giorno l'avessi amato, giustifica la sua presenza nel letto?

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @11:24

IRENE: perché quello sconosciuto l'avevi amato. E poi un giorno lo guardi, e non sai più chi è. Più che terribile, tristissimo.

Irene | Venerdì, 21 ottobre 2011 @11:22

Per Lisa e Nina:
A letto con uno sconosciuto, uno sconosciuto che non vorremmo nel letto...
Perchè succede? Perchè accettarlo nel letto se è terribile?
Mi rifaccio all'altro giorno a proposito della "morale" soggettiva e personale...
E' come rubare e poi darsi una giustificazione con la propria coscienza..
giustificazione effimera....

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @08:55

FRANCESCA: ma è bellissimo quello che scrivi! Grazie. (Mi piacerebbe anche sapere in quale città vai al bar con il tuo amore... L'autrice è iper-romantica e iper-curiosa, un pessimo mix!)

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @08:42

NINA: a letto con uno sconosciuto. Uno sconosciuto che non vorremmo nel letto. Quando succede, è terribile.

LISA | Venerdì, 21 ottobre 2011 @08:36

ANNETTA: no, il film di Almodovar non l'ho ancora visto, ma raccolgo volentieri la sfida. Ci provo, almeno!

annetta | Venerdì, 21 ottobre 2011 @00:24

LISA: ti lancio una piccola "sfida" per i prossimi Buongiorno..Hai visto il film di Almodovar? Che ne pensi? Mi trovi dei bei versi, forti, incisivi sul cambiamento? buona notte mondo

malu63 | Giovedì, 20 ottobre 2011 @23:18

assolutamente no!!!! è quello che desideravo di avere da te.

Anonimo | Giovedì, 20 ottobre 2011 @22:17

Come ti capisco Nina. :-(

Nina | Giovedì, 20 ottobre 2011 @21:18

Ci sara' da preoccuparsi se non ci piacciono così tante cose di una persona sola?

Nina | Giovedì, 20 ottobre 2011 @21:17

Che nostalgia, un tempo mi piaceva tutto di lui, mi rendeva cosi' felice. Dove è finito tutto questo amore?
Quando ci ripenso non sembro io e non sembra lui. Chi eravamo o meglio chi siamo diventati? Come è potuto cambiare tutto cosi'?

valentina | Giovedì, 20 ottobre 2011 @16:46

e ci sarà da preoccuparsi se mi piace, in fondo, e comprendo anche quello che più detesto?

Susy_Anne | Giovedì, 20 ottobre 2011 @14:25

Sì.. un autunno fa...

Francesca | Giovedì, 20 ottobre 2011 @11:24

Fare colazione con il tuo amore al bar, vedere il City, leggere il mitico buongiorno di Lisa e dedicarglielo così al volo...
E perchè lo possa conservare, arrivare in ufficio e mandargli il link al tuo sito, cara Lisa, così vede da dove attingo per le poesie che a volte si trova sotto il cuscino....

Federico | Giovedì, 20 ottobre 2011 @10:15

Mi piace immensamente tutto di lei....
Tranne una cosa
Mi devo preoccupare?

MANUELA | Giovedì, 20 ottobre 2011 @09:52

No, non c'è da preoccuparsi affatto.
E' AMORE

annetta | Giovedì, 20 ottobre 2011 @09:37

Finchè va bene c'è solo da stare allegri... ma quando va male sono dolori! I grandi amori sono così: ti resuscitano quando iniziano e ti uccidono quando finiscono, ti riempiono completamente quando sono con te e ti lasciano un vuoto incolmabile quando non sono più con te. Sì un pochino c'è da preoccuparsi: certi affetti non conoscono mezze misure, almeno per me. Mi preoccupo, mai poi mi ci butto lo stesso :-) Buona giornata - Anna

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.