Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Sottolineature.

Giovedì, 12 novembre 2009 @09:14

"E’ strano: la nostra vita intima è ciò che più conta per ognuno di noi, eppure dobbiamo sempre fingere di viverla senza quasi avvedercene, con disumana sicurezza".
(Alba de Céspedes)
Forse a questo serve la poesia, anche le piccole schegge di poesia: a raccoglierci, a raccogliere il pensiero. A fermare lo sguardo. A dirci: questo è quello che sono, questo è quello che sto diventando. Ora.

(La frase di Alba de Céspedes è tratta da "Quaderno proibito", Mondadori. Ricordate? Vi avevo raccontato la storia della de Céspedes, famosissima negli anni Quaranta e Cinquanta, ora scandalosamente, tristemente dimenticata. Avevo letto "Quaderno proibito" molto tempo fa, ma questa frase mi è stata regalata da un altro sguardo, un’altra lettrice. Perché viene dal libro vintage, usato, antico (scegliete l’aggettivo che preferite), che mi aspettava a Roma, in una piccola libreria che si chiama Libri necessari. L’ho comprato per l’amica che era con me. Per farglielo leggere. E per salvarlo. A casa, sfogliandolo, mi hanno colpito le frasi sottolineate, in matita, da una donna che rimarrà per sempre sconosciuta, una donna che non ha neppure scritto il suo nome in prima pagina. Questa è la prima, ve ne regalerò altre).

7 commenti

LISA | Domenica, 15 novembre 2009 @11:11

Per URSENNA: you knew there would always be a spring. Ci sarà sempre una primavera. Bellissima, non la conoscevo. E mi piace che questa frase mi sia arrivata - wordscrossing invece che bookcrossing - in autunno.

Ursenna | Venerdì, 13 novembre 2009 @11:34

Le sottolineature sconosciute mi evocano la mia scoperta del book crossing, anni fa, quando nemmeno sapevo che esistesse il book crossing. Un albergo di Ravenna. Hemingway in inglese. Un libro dall'apparenza letto e riletto. Una sola sottolineatura: You knew there would always be a spring. Poi ho visto City of Angels. Poi ho vissuto a Parigi. E la primavera era là, ad accogliermi come una gioiosa ritrovanza. La Festa Mobile di una matita senza nome.

LISA | Venerdì, 13 novembre 2009 @07:52

Grazie ai nuovi arrivati. Avete voglia di raccontare chi siete, e da dove mi scrivete?

Zilito | Giovedì, 12 novembre 2009 @17:10

Lisa,
ho ritagliato questa sua citazione.
Ed ora e' nel mio portafoglio.
Grazie.
(http://zilitoscrive.blogspot.com/ )

giuseppe | Giovedì, 12 novembre 2009 @12:39

talvolta esistono muri invisibili...
una barriera di sogni e di stelle.Altri Sogni

Marco | Giovedì, 12 novembre 2009 @10:52

...bello essere trafitto ogni mattina dalle tue schegge. Grazie. Baci.

Andrea Rényi | Giovedì, 12 novembre 2009 @09:26

Grazie, Lisa, per questa splendida citazione, assolutamente condivisibile. Speriamo che le parole di Alba possano colpire qualche editore, al punto di decidere la riedizione delle indimenticabili opere di questa magnifica scrittrice.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.